I feedback positivi dai laboratori sugli incubatori a CO2 di BINDER

1 febbraio 2018
incubatori a CO2 di BINDER

Gli incubatori a CO2 con agitatore a rotazione riscuotono feedback positivi nei laboratori per colture cellulari

 

Tramite il proprio sito aziendale BINDER ha reso noto che gli agitatori a rotazione negli incubatori a COhanno ricevuto i primi feedback positivi.

A quanto pare gli scienziati che lavorano con colture cellulari in sospensione sono rimasti positivamente impressionati dal nuovo sistema, stando a quanto riportato BINDER. Tra gli aspetti più apprezzati è menzionata l’alimentazione elettrica dell’agitatore, che può essere comandato da un controller ubicato al di fuori dell’incubatore a CO2: ciò consente di mantenere la temperatura all’interno dello strumento in modo costante a 37 gradi, senza correre il rischio surriscaldamento.

Il biologo Dott. Ric. Jens Thielmann, manager di prodotto presso BINDER, in merito ha dichiarato: “Ci siamo trovati davanti al problema di come posare il cavo senza ricorrere alla soluzione classica tramite foro passante, con conseguente maggior rischio di formazione di condensa nel vano interno, e quindi elevato pericolo di contaminazione”.

I ricercatori dell’azienda si sono focalizzati su due modi alternativi per alimentare l’agitatore, senza incorrere in conseguenze collaterali negative: la prima soluzione “universale” prevede l’impiego di uno speciale cavo a nastro di collegamento tra controller e agitatore, che viene fatto passare tra guarnizione e porta; la seconda soluzione, considerata come la variante professional, prevede che i cavi del controller e dell’agitatore siano dotati di spine LEMO, per essere poi collegati elettricamente attraverso un foro per cavo elettrico a tenuta di gas.

I vantaggi che contraddistinguono l’agitatore non finiscono qui: BINDER fa sapere che esso è stato realizzato con componenti resistenti alla corrosione e racchiuso in un corpo alloggiante di acciaio inox, inoltre è in grado di resistere alle condizioni più estreme presenti nell’incubatore a CO2. Da sottolineare come sia importante anche che le condizioni nell’incubatore a CO2 permangono costanti anche con agitatore in funzione, grazie alla cessione di calore di massimo quattro Watt.

Per via dei motivi sopraelencati, l’incubatore a CO2 BINDER ha riscosso ottimi feed durante l’utilizzo nei laboratori. Sia le aziende del settore farmaceutico che le università impiegano con sempre maggiore frequenza l’incubatore a CO2 con agitatore a rotazione. È stato possibile, per esempio, effettuare con la massima precisione dei test con cellule ematiche e altri tipi di cellule idonee nel campo della ricerca sui principi attivi, grazie alla nuova tecnologia dell’azienda tedesca.

ARTICOLI CORRELATI

Incubatori a CO2 BINDER

Incubatori a CO2 BINDER disponibili con kit in rame in quattro pezzi

BINDER presenta l'incubatore a CO2 C 170, dotato di camera in acciaio inox e kit in rame in quattro pezzi

KW Apparecchi scientifici offre dispositivi medici certificati

KW Apparecchi scientifici offre dispositivi medici certificati

KW Apparecchi scientifici offre frigoemoteche, congelatori rapidi per plasma, congelatori per plasma (conservazione)

Micro-spectroscopy diagnostics

Micro-spectroscopy opens new routes for diagnostics

The research introduces the use of a new spectrometer