Serie 055 ASCO per il controllo dei liquidi altamente aggressivi

19 settembre 2017

Focus sulla microvalvola Emerson: Valvola con membrana in PTFE a separazione del fluido serie 055 ASCO

Le applicazioni nei settori medicali e analitici, quali diagnostica clinica, sequenziamento del DNA e cromatografia spesso comportano la preparazione di campioni biologici e chimici, con reagenti liquidi altamente aggressivi.

Ci sono due potenziali problemi per quanto riguarda l’utilizzo di questi liquidi. Se l’attuatore della valvola non viene separato dal fluido, la valvola può essere danneggiata. Questo può portare alla contaminazione dei campioni e/o al danneggiamento della valvola. L’altro problema è che se dall’analisi precedente rimangono dei residui nella valvola, questi possono influire sui risultati.

C’è un altro potenziale problema quando si utilizzano valvole con un alto assorbimento elettrico. Queste possono riscaldarsi durante il funzionamento ed alterare i risultati dell’analisi.

Gli OEM richiedono una valvola con il minor consumo energetico possibile, mantenendo la stessa affidabilità, ed è questa la vera sfida. Le valvole con basso consumo energetico devono garantire lo stesso livello di affidabilità delle valvole senza basso consumo energetico, altrimenti c’è il rischio di avere un malfunzionamento del dispositivo o i risultati dell’analisi alterati.

Anche la compattezza della valvola è anche un’esigenza fondamentale sul mercato, in quanto gli OEM cercano di ridurre la dimensione e il peso dei loro dispositivi, per soddisfare le esigenze dei loro clienti in merito a portabilità e/o ingombri ridotti.

L’elettrovalvola a separazione serie 055 di ASCO ha il corpo e la tenuta in PTFE. Il percorso del fluido è contenuto al 100% nel corpo in PTFE, proteggendo i componenti interni dalla corrosione chimica e impedendo il danneggiamento della valvola. Inoltre, la valvola presenta eccellenti capacità auto-drenanti e un volume interno per essere facilmente lavabile, in modo da impedire che le analisi possano essere alterate dalla presenza di residui dell’analisi precedente.

La valvola risponde alle esigenze critiche del mercato e degli OEM in termini di compattezza e consumo energetico contenuto. Il design compatto rende questa serie ideale per la strumentazione analitica da banco, mentre il basso consumo energetico aiuta a ridurre il trasferimento del calore nel campione da analizzare. Questo soddisfa anche le crescenti richieste del mercato dei test ‘Point-of-care‘ (POCT).

La valvola serie 055 in PTFE è conforme a tutte le direttive CE, alla RoHS ed è disponibile in molte configurazioni di diversi diametri interni e portate. Sono disponibili le versioni standard (2 vie normalmente chiuse, 2 vie normalmente aperte e 3 vie universale) ed è possibile avere anche delle soluzioni personalizzate, aggiungendo manifold, raccordi e tubi.

Fonte ASCO

ARTICOLI CORRELATI

ulcere del piede diabetico

Tappetini "intelligenti" per individuare l'insorgenza di ulcere del piede diabetico

Ecco i tappetini intelligenti in grado di rilevare la formazione di ulcere nel piede diabetico

lab-on-a-chip

Lab-on-a-Chip: il futuro della diagnosi

Il futuro delle analisi è un laboratorio portatile messo a punto dai ricercatori dell'Isasi-Cnr

virus influenza di specie B

Università di Parma identifica il primo virus influenzale della nuova stagione

L’identificazione del virus influenza di specie B è avvenuta nei laboratori di Virologia