340 assunzioni in ENEA per potenziare ricerca e innovazione

22 Febbraio 2019
enea

Altri 350 posti a tempo indeterminato nei prossimi tre anni, per un totale di circa 700 persone assunte Testa: “Segno di fiducia nella ricerca pubblica italiana”

 

Sono 340 i giovani ricercatori e tecnologi che hanno preso servizio in ENEA negli ultimi sei mesi, la maggior parte laureati in discipline scientifiche e oltre il 40 per cento donne; le assunzioni sono tutte a tempo indeterminato e vanno a potenziare i 14 tra centri e grandi laboratori di ricerca dell’ENEA presenti sul territorio nazionale, oltre ai 16 uffici territoriali di consulenza su efficienza energetica e pianificazione energetico-ambientale. Si tratta della prima parte di un piano di assunzioni più ampio che proseguirà a breve con l’entrata in servizio di altre 40 persone e con nuovi concorsi nel triennio 2019-2021 per oltre 300 posizioni, fino a un totale di circa 700 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato.

 

“Queste nuove assunzioni evidenziano la volontà di rafforzare il percorso di rinnovamento avviato per affrontare una stagione caratterizzata da rilevanti sfide tecnologiche”, ha detto il Presidente dell’ENEA Federico Testa, in occasione della cerimonia di benvenuto che si è svolta oggi a Roma, presso la sede dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. “Con questa cerimonia vogliamo dare il benvenuto a professionalità che hanno deciso di dare fiducia alla ricerca pubblica in Italia e in particolare a un’agenzia come la nostra, in prima linea sulla ricerca applicata e il trasferimento dell’innovazione alle imprese, in settori strategici come l’energia e l’ambiente”, ha concluso Testa.

 

I nuovi assunti saranno impegnati soprattutto nei settori dell’efficienza energetica, con l’ENEA nel ruolo di Agenzia nazionale, dell’economia circolare, delle tecnologie energetiche e della fusione; in particolare, in quest’ultimo campo partiranno quest’anno i lavori per realizzare nel Centro ricerche di Frascati la grande infrastruttura di ricerca internazionale Divertor Tokamak Facility (DTT), che creerà 1.500 nuovi posti di lavoro altamente qualificati, con un ritorno economico di 2 miliardi di euro a fronte di investimento da 500 milioni di euro già finanziati.

 

Fonte: ENEA

ARTICOLI CORRELATI

Telethon

Progetto dell'Università di Parma finanziato da fondazione Telethon per la ricerca su malattie genetiche rare

Il progetto sarà focalizzato sull'identificazione di nuovi farmaci per le malattie mitocondriali

Ohaus

L'utilizzo delle centrifughe OHAUS nelle indagini sulla scena del crimine

La centrifuga refrigerata ad alta velocità FC5515R di OHAUS è in grado di garantire precisione e risultati affidabili di alta...

Car-t

Lotta ai tumori: CAR-T, servono centri specializzati

L'immunoterapia come strategia di cura dei tumori negli ultimi anni ha aperto nuovi scenari e nuove possibilità di cura per...

Pin It on Pinterest

Share This