A due scienziate il Nobel per la chimica sulla scrittura del genoma

8 Ottobre 2020
Nobel

Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisica (FNCF): “Chimica sempre più determinante per la salute”

 

Dopo l’assegnazione del Nobel per la Fisica al team di fisici composto da Roger Penrose, Reinhard Genzel e Andrea Ghez (quarta donna dal 1903 a ricevere tale riconoscimento) su un tema afferente alla branca dell’astrofisica, oggi è stato il turno della Chimica.

Quest’anno il premio Nobel per la Chimica è andato a due donne: la biochimica, genetista e microbiologa francese Emmanuelle Charpentier e la chimica e accademica statunitense Jennifer A. Doudna.

Il merito delle due scienziate è stato quello di aver sviluppato la tecnicna Crispr/Cas9. Si tratta di un metodo che permette la scrittura delle basi del Dna e che è arrivato nei laboratori all’inizio degli anni 2000. Da allora, il metodo Crispr ha cambiato completamente la metodologia di lavoro degli scienziati promettendo la cura di molte delle malattie che hanno una base genetica.

La Chimica ha confermato ancora una volta la sua fondamentale importanza per la salute della popolazione, messaggio che speriamo possa arrivare a tutti i cittadini al fine di riconoscere il valore sociale della Chimica e dei Chimici professionisti. – dichiara Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei FisicaAccanto a questo, auguro che l’assegnazione del Premio Nobel 2020 per la Chimica e per la Fisica i al lavoro e alla ricerca di tre scienziate, possa essere da motore e da stimolo per molte ragazze e donne nel perseguire carriere nell’ambito scientifico delle STEM“. ©

ARTICOLI CORRELATI

AstraZeneca

Vaccino AstraZeneca, chiesta l'autorizzazione all'Ema

Un parere sull'autorizzazione all'immissione in commercio potrebbe essere emesso entro il 29 gennaio. Come funziona il vaccino.

Trials

Trials clinici: la farmacia incontra l'oncologia

Nei prossimi anni condividere progetti tra i professionisti delle diverse specialità sarà indispensabile per definire protocolli...

Moderna

Agenzia Ue del farmaco, via libera al vaccino Moderna

Si tratta del secondo vaccino contro il coronavirus di cui lʼEma ha raccomandato lʼautorizzazione, dopo quello di Pfizer-BioNtech

Pin It on Pinterest

Share This