Applicazioni di colture cellulari per la biologia cellulare

21 Settembre 2018
cellule

In ogni relazione di successo, come può essere quella tra amici in un contesto sociale, a casa con la famiglia o sul posto di lavoro con i colleghi, la comunicazione è un elemento chiave

A seconda delle nostre diverse personalità e comportamenti, ci scambiamo segnali che vengono poi interpretati. Ed è in base a questi segnali e all’ambiente che ci circonda che ci adattiamo e impariamo a interagire l’un con l’altro.

È interessante notare che un simile tipo di interazione si verifica anche all’interno degli organismi a livello cellulare. Le cellule possono comunicare inviando e ricevendo segnali chimici.

Molti ricercatori passano la loro carriera a studiare le cellule e le interazioni tra le stesse per capire come le cellule sane e malate reagiscono tra loro e il loro ambiente in continua evoluzione. Nel campo della ricerca, le cellule, una volta differenziate, vengono prelevate da un animale o da una pianta e coltivate in un ambiente artificiale per ampliare il tipo di cellula di interesse. A seconda dell’esperimento, i ricercatori sceglieranno tra cellule di mammiferi o di non mammiferi e determineranno il metodo di crescita migliore: aderente su substrati artificiali o in sospensione nel mezzo di coltura.

Per garantire una buona crescita cellulare durante la metodologia di scale-up, un ricercatore utilizza strumentazioni da laboratorio per riprodurre l’ambiente naturale al fine di ottenere una crescita cellulare ottimizzata.  Ad esempio, per la coltura di cellule di mammiferi, è necessario un incubatore a CO 2

ohausche funziona a 37 °C, contrariamente alle cellule non mammifere che possono essere coltivate in un incubatore non a CO 2 o a secco. Le cellule sospese devono essere tenute in movimento per favorire il trasferimento di gas. Questo è possibile con la coltivazione delle cellule in una beuta  e usando un agitatore orbitale per controllare con precisione la velocità di scuotimento delle cellule. Non 

tutti gli agitatori orbitali posizionati all’interno di un incubatore a CO 2 sono in grado di tollerare questo tipo di ambiente critico. Tuttavia, l’Agitatore per condizioni ambientali estreme OHAUS è adatto all’applicazione in quanto è in grado di resistere a condizioni fino al 100% di umidità.

Riprodurre un ambiente naturale a CO 2 può risultare noioso e inoltre gli incubatori a CO 2 sono costosi. In alternativa, si è diffusa la coltura di cellule di insetti in quanto queste ultime non richiedono un ambiente di CO 2 . E, cosa più importante, le cellule di insetti fungono da modello per lo studio dei processi cellulari che possono essere applicati agli eucarioti superiori. Per condizioni ideali di coltura di cellule di insetti, è importante mantenere una temperatura e una velocità di scuotimento stabili. L’Agitatore orbitale con incubatore e funzione di raffreddamento OHAUS si adatta bene al flusso di lavoro di una coltura di cellule di insetti in quanto combina caratteristiche di controllo preciso della temperatura fino a 10 °C al di sotto della temperatura ambiente con uno scuotimento uniforme e costante.
Tutti questi vari metodi di coltura cellulare possono essere considerati un processo che permette ai biologi cellulari di studiare l’interazione tra le cellule. Comprendere l’interazione che avviene tra cellule sane o malate e all’interno delle stesse ha un impatto su tutti noi perché consente ai ricercatori di sviluppare farmaci più efficaci, nuovi vaccini e in generale offre una migliore comprensione del modo di vivere di tutti gli essere viventi. Quindi, la prossima volta che uscirete con gli amici o sarete in una sala conferenze, date un’occhiata alle persone intorno a voi e osservate il loro modo di comunicare perché la comunicazione è un elemento chiave.

 

Per saperne di più sugli Agitatori per condizioni ambientali estreme OHAUS
Per saperne di più sugli  Agitatori orbitali con incubatore e funzione di raffreddamento OHAUS

ARTICOLI CORRELATI

DNA

I nanorisonatori meccanici di dna: Le “corde” di materiale genetico che “risuonano” quando il dna interagisce con le molecole esterne

Uno studio a cui ha collaborato il Politecnico di Torino, pubblicato su Nature Communications, mostra come, grazie a nanofibre di...

trasporto intracellulare

AREX: scoperto un sistema di controllo del trasporto intracellulare di proteine e lipidi

In ogni relazione di successo, come può essere quella tra amici in un contesto sociale, a casa con la famiglia...

sla

Completato il primo atlante genetico 3D della Sla

Completato l'atlante genetico 3D della sclerosi laterale amiotrofica (Sla), che permette di ricostruire quali geni si attivano e dove.

Pin It on Pinterest

Share This