AUSL Bologna adotta la soluzione ASCOM Digistat®: un nuovo passo per l’innovazione territoriale in Sanità

1 Aprile 2021
Digistat®

Un progetto per la digitalizzazione delle sale operatorie che ha coinvolto tutto il territorio dell’Azienda USL di Bologna con l’obiettivo di supportare le strutture nella gestione degli interventi, portando benefici in termini di assistenza, qualità di cura e contenimento costi.

 

L’Azienda USL di Bologna ha adottato la piattaforma Digistat® di Ascom UMS Italia nelle proprie sale operatorie. L’intervento, di notevole estensione, non ha coinvolto una singola struttura ma tutto il territorio aziendale: ad oggi, infatti, sono 8 gli ospedali oggetto della digitalizzazione – Maggiore e Bellaria a Bologna, ospedali di Bazzano, Porretta Terme, Bentivoglio, S. Giovanni in Persiceto, Vergato e Budrio – ognuno dei quali con il relativo personale di assistenza e medico. A questi si aggiungono anche 5 cliniche e case di cura private che utilizzano Digistat® solo per la refertazione. Il progetto ha rappresentato un passo deciso verso la digitalizzazione delle sale operatorie, con benefici in termini di assistenza, qualità di cura e contenimento costi.

Per dare un’ulteriore idea della portata dell’attività degli ospedali e del percorso effettuato con Digistat®: più di 58.500 interventi chirurgici solo negli ultimi 2 anni, di cui oltre 25.800 all’Ospedale Maggiore di Bologna. Numeri che rappresentano un indice chiaro della complessità del progetto, per quantità di casi e processi da gestire.

 

Principali obiettivi dell’implementazione di Digistat®

L’implementazione di Digistat® ha contribuito ad una migliore organizzazione ed efficienza delle Strutture sanitarie con un significativo snellimento delle procedure, l’ottimizzazione dell’integrazione di Hub (Ospedali principali) con ospedali secondari e un miglioramento della tracciabilità del workflow chirurgico attraverso le principali fasi:

  • Pianificazione degli interventi
  • Gestione paziente pre-intervento
  • Gestione intraoperatorio
  • Acquisizione dei parametri a posto letto
  • Post intervento
  • Gestione materiale della farmacia di sala e dello strumentario chirurgico

Per quanto riguarda, in particolare, il percorso del paziente chirurgico – percorso che coinvolge diverse figure professionali, da quelle preposte a pianificare l’intervento a chi si occupa della gestione dell’intraoperatorio – tutte le attività vengono opportunamente registrate su Digistat® e vanno a far parte integrante del fascicolo operatorio. Il percorso chirurgico dal punto di vista anestesiologico prevede una fase di valutazione preoperatoria, una fase intraoperatoria in cui viene effettuata l’anestesia in tutte le sue declinazioni e una fase postoperatoria in cui oltre alla terapia infusionale e antalgica, vengono prescritti una serie di controlli diagnostici e di comportamenti.

Nelle diverse fasi dell’intervento, le figure coinvolte nella seduta chirurgica sono guidate nella compilazione della check-list operatoria per la loro competenza. Oltre alla compilazione manuale, i dati su Digistat® possono essere integrati da quelli ottenuti dai dispositivi presenti in sala operatoria: i parametri vitali del paziente, rilevati dai monitor anestesiologici e dai ventilatori, possono essere infatti importati automaticamente nel sistema ed essere validati manualmente per essere visualizzati in cartella, sia in forma tabellare che grafica. Anche i materiali utilizzati nella sala operatoria sono registrati sulla piattaforma.

Tutte le informazioni necessarie e utili per il personale di sala operatoria sono riepilogate in una singola schermata di Digistat®: questa operazione, oltre ad agevolare il lavoro degli operatori clinici, contribuisce ad aumentare il livello di efficienza delle procedure. Digistat® produce un documento chirurgico che in futuro potrebbe confluire nel fascicolo sanitario elettronico.

Ritengo che Digistat® sia un elemento importante nel processo di responsabilizzazione di tutti gli attori coinvolti nel percorso chirurgico grazie ad una tracciabilità di tutte le fasi ed operazioni legate allo svolgimento di un workflow chirurgico e ad un livello di trasparenza e fruibilità di informazioni altrimenti difficilmente raggiungibile” – ha affermato la Dottoressa Alba Riccheo, Dirigente medico-anestesia e rianimazione, Responsabile UO Percorso chirurgico Piastra Blocchi Operatori OM (SS), che prosegue: “Il risultato che abbiamo oggi è una soluzione software che ci supporta in modo costante nel mantenere una preziosa e funzionale omogeneità di linguaggio lungo tutte le fasi del percorso chirurgico”.

 

La gestione del materiale di farmacia e di sala e dello strumentario chirurgico

L’adozione di Digistat® ha comportato per AUSL Bologna un decisivo passo in avanti nella gestione dei Dispositivi Medici (DM) utilizzati in sala operatoria.

La creazione della Farmacia Satellite di blocco operatorio, infatti, ha definito l’inizio di una forte integrazione multidisciplinare tra i professionisti coinvolti nel processo di allestimento dei kit chirurgici e ha presupposto, a monte, anche la definizione di ogni singolo materiale necessario per ogni specifico intervento. L’informatizzazione dell’intero processo offre la possibilità di tracciare tutti i DM utilizzati per ogni paziente e intervento ma anche di poter verificare l’appropriatezza d’uso dei materiali. La possibilità di impiego della nota operatoria almeno il giorno prima all’intervento garantisce la verifica della disponibilità dei materiali, compresi i DM impiantabili. Grazie a Digistat® è possibile allocare in maniera puntuale le risorse economiche alle singole unità operative e al singolo paziente, in quanto i DM utilizzati per ogni intervento vengono imputati all’unità operativa specifica, garantendo una responsabilizzazione e quindi un’ottimizzazione dei flussi di lavoro.

Digistat® è un elemento fondamentale nel processo di digitalizzazione delle strutture sanitarie e ritengo sia, per nostra esperienza diretta qui all’Ospedale Maggiore, un fattore di miglioramento importante dei flussi di lavoro in ambito chirurgico. Ha permesso di svincolarci dalla trascrizione cartacea di dati e attività consentendo una fruizione immediata e condivisa degli stessi” – ha affermato Mario Tiacci, Responsabile U.O. DATeR Piastra Blocchi Operatori (PBO) e Centrale di Sterilizzazione unica HUB, che conclude: “Digistat® permette di ottenere un quadro d’insieme di tutti i blocchi operatori consentendo, se necessario, di apportare delle modifiche atte a calibrare in modo più efficiente l’utilizzo delle risorse a nostra disposizione”.

 

VAI ALLA SCHEDA DI “ASCOM UMS SRL”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Shimadzu

Contribuire al benessere della società attraverso la scienza e la tecnologia

E’ questo l’obiettivo di Shimadzu Corporation che produce un’ampia gamma di strumenti analitici indispensabili per la ricerca, lo sviluppo...

IA

Applicazioni di IA nel farmaceutico

Nell'articolo precedente "Quello che le macchine apprendono" abbiamo conosciuto i concetti fondamentali dell'intelligenza artificiale. In questo articolo vedremo quali...

Curevac

Risultati deludenti per il vaccino tedesco CureVac

L’Ue e l’Italia dovranno rinunciare, almeno per il momento, al vaccino Curevac, che ha dimostrato una bassa efficacia contro il...

Share This