Aziende del farmaco vincono la crisi, 1 miliardo in ricerca

18 Gennaio 2019
FARMACEUTICA

“I gruppi industriali farmaceutici italiani contribuiscono in modo determinante a rendere il Paese la prima piattaforma produttiva farmaceutica in Europa con un miliardo investito in ricerca e un fatturato complessivo annuo che supera i 31 miliardi”.

Emerge dal Rapporto Nomisma “Industria 2030” sullo stato di salute della farmaceutica made in Italy presentato oggi a Roma dalle tredici aziende italiane del farmaco aderenti a Farmindustria, Abiogen Pharma, Alfasigma, Angelini, Chiesi, Dompé, I.B.N. Savio, Italfarmaco, Kedrion, Mediolanum, Menarini, Molteni, Recordati e Zambon. Tutte aziende che “hanno continuato a investire in ricerca e sviluppo nonostante la crisi, aumentando produzione, fatturato e numero di dipendenti”, si legge nel Rapporto. Le esportazioni del settore hanno toccato i 24,8 miliardi di euro nel 2017, il 5,8% del totale manifatturiero italiano, con una crescita del 106,9% negli ultimi dieci anni. Quella delle aziende farmaceutiche italiane, sottolinea il Rapporto, è una realtà industriale in forte sviluppo, con ricavi aggregati che superano gli 11 miliardi di euro nel 2017 e in crescita del 70,3% rispetto al dato del 2007 (6,1 miliardi di euro). Stando ai dati 2017, le aziende del farmaco occupano 42.000 dipendenti, con un aumento del 57% rispetto ai 26.610 occupati del 2007. Del totale dei dipendenti, 15.390 sono quelli impiegati in Italia, di cui oltre il 46% sono donne, con una quota di laureati e diplomati di oltre l’87%. Quasi la metà (46,8%) è occupata in attività di produzione e di ricerca, con un totale di addetti dedicati all’innovazione superiore al 5% in tutte le imprese. Il Rapporto evidenzia come, nel solo triennio 2015-17, il numero dei dipendenti italiani delle Fab13 sia aumentato di oltre 690 unità (da 14.380 a 15.390 che fa segnare un +4.7%). Le Fab13 – indica Nomisma – sono imprese per lo più familiari, e si distinguono “per dimensioni e propensione all’innovazione rispetto alla media delle altre manifatturiere italiane”. La reazione alla perdita di copertura brevettuale, che ha abbassato i prezzi della quasi totalità dei farmaci, ha portato a maggiori investimenti in innovazione nel campo delle biotecnologie e delle terapie geniche.

 

Fonte: ANSA

ARTICOLI CORRELATI

Future lab

Report 2019 sull'informatica di laboratorio: tendenze del settore, sfide e opportunità

In questo report sull'informatica di laboratorio sono stati intervistati professionisti del settore farmaceutico, biotecnologico e agricolo

Sartorius

Strumenti intelligenti per il controllo di qualità nei laboratori microbiologici

Il portafoglio Sartorius per il controllo qualità offre le migliori soluzioni per affrontare le sfide quotidiane in laboratorio

Antibiotici super

Creati antibiotici super-potenti contro batteri killer

Arrivano da due nuovissime molecole capaci di mettere KO batteri killer oggi temutissimi come lo Stafilococco aureus multi-resistente

Pin It on Pinterest

Share This