Nanotecnologie per il trattamento e monitoraggio delle acque

30 Aprile 2018
Eranetmed

Eranetmed presentati i risultati del progetto nanosws

 

Nell’ambito dell’evento Eranetmed ‘Legacy for Euro Mediterranean Joint Programming’ che si è tenuto ad Aqaba, Giordania, dal 5 al 7 Marzo, sono stati presentati i primi risultati del progetto NanoSWS di cui Fabiana Arduini dell’Università di Roma “Tor Vergata” è coordinatore e Viviana Scognamiglio è responsabile dell’Istituto di Cristallografia CNR.

Il progetto europeo “Eranetmed2-72-328 NanoSWS 2017-2020 – Integrated nanotechnologies for sustainable sensing water and sanitation” propone lo sviluppo di nanotecnologie integrate per il monitoraggio e il trattamento delle acque nei paesi EU e non-EU del Mediterraneo, tra i quali Marocco e Grecia che sono partner, insieme alla Cina con cui il consorzio realizza scambi bilaterali di conoscenze e tecnologie in campo ambientale.


NanoSWS affronta la sfida Europea della gestione delle acque e dei servizi igienico-sanitari migliorando il monitoraggio dell’inquinamento e l’intervento sulle acque contaminate. L’obiettivo principale è quello di fornire tecnologie innovative e sostenibili per il monitoraggio ed il trattamento delle acque nei paesi del Mediterraneo dove l’inquinamento da metalli pesanti, pesticidi e composti fenolici è particolarmente elevato e limita la crescita economica e la salute e il benessere della società.
NanoSWS propone lo sviluppo di un sistema integrato che consiste di un modulo di analisi dell’acqua mediante sensori ottici ed elettrochimici e un modulo per il trattamento dell’acqua tramite spugne di nanotubi di carbonio. Lo scopo è quello di ottimizzare la gestione delle risorse idriche, assicurare un approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari sostenibili, aumentare il numero di persone che hanno accesso ad approvvigionamenti idrici sicuri, promuovere la sicurezza e la sicurezza alimentare, la salute pubblica e la crescita economica nell’UE e non Paesi mediterranei dell’UE.

Fonte: cnr 

ARTICOLI CORRELATI

sentinelle dell’aria

Cittadini sentinelle dell'aria, partito il monitoraggio 'NO2, NO grazie'

Quasi 1800 cittadini di Milano, Roma, Napoli hanno aderito alla terza edizione di 'NO2, NO grazie!' per diventare sentinelle dell'aria

fanghi

Ricerca e innovazione per valorizzazione e recupero sostenibile dei fanghi

Un gruppo di aziende lombarde punta sulla gestione dei rifiuti, sulla loro massima valorizzazione e...

Politecnico

Nasce Re Soil Foundation: per proteggere il suolo, una risorsa non rinnovabile

Presentata la nuova fondazione a cui partecipa l'Università di Bologna insieme a Novamont e al Politecnico di Torino

Pin It on Pinterest

Share This