Curia espande le sue capacità di scoperta degli anticorpi

16 Agosto 2022
Curia espande le sue capacità di scoperta degli anticorpi

L’organizzazione di ricerca, sviluppo e produzione a contratto (CDMO) ha adottato il sistema The Beacon Optofluidic e i flussi di lavoro di Berkeley Lights per accelerare ed espandere le sue capacità di scoperta di farmaci basati su anticorpi.

 

Il flusso di lavoro del sistema Beacon presso Curia sfrutta la sua piattaforma proprietaria Pentamice, le piattaforme CHO-GSN e TunaCHO, nonché i sistemi di ingegneria degli anticorpi e delle linee cellulari dell’azienda.

 

Con l’aggiunta del sistema Beacon, Curia è in grado di fornire un portafogli completo di tecnologie e l’esperienza necessaria per una rapida progressione dei programmi anticorpali dei clienti. Le sue soluzioni affrontano la prima fase della scoperta, attraverso la maturazione e lo sviluppo, della produzione di sostanze farmaceutiche e prodotti farmaceutici finali nell’ambito delle GMP.
 
“La velocità conta nella scoperta di farmaci, quindi la capacità di condurre esperimenti unicellulari ad alto rendimento è un punto di svolta, perché permete di identificare lead abbondanti e diversificati”, ha affermato Christopher Conway, presidente, R&S, Curia. “Tecnologie avanzate come la piattaforma Berkeley Lights stanno rivoluzionando la scoperta di anticorpi, affrontando i punti critici chiave che devono affrontare gli innovatori, come linee temporali lunghe e un numero limitato di sequenze. La nostra dimostrata capacità di integrare tecnologie, processi e competenze scientifiche in definitiva ci consente di accelerare i tempi per la clinica e il progresso delle scienze della vita che cambiano la vita”.

Gli scienziati di Curia hanno valutato una varietà di tecnologie e hanno selezionato il sistema Beacon in base alle sue comprovate capacità e alla perfetta integrazione nella catena del valore di produzione end-to-end di Curia. La possibilità del sistema di agire su una gamma di bersagli solitamente fallimentari con le tecnologie tradizionali, combinata con la comprovata diversità immunologica della piattaforma PentaMice, Curia prevede di fornire sequenze di anticorpi uniche e diversificate con un’analisi completa dei dati in tempi che durano settimane, piuttosto che mesi, e candidati allo sviluppo in sei mesi o meno.
 
“Siamo entusiasti di collaborare con Curia, uno dei principali CDMO, nella loro adozione della piattaforma Berkeley Lights per la scoperta di anticorpi. Ora possono accelerare la sequenza temporale in cui le terapie critiche possono arrivare alla clinica, ha affermato Eric Hobbs, Ph.D., presidente di Antibody Therapeutics presso Berkeley Lights. “Curia sta dimostrando il suo impegno nell’adozione di tecnologie all’avanguardia che trovino più rapidamente ed efficacemente le cellule migliori, in particolare per gli anticorpi difficili da identificare”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Laboratorio 4.0 e Gascromatografia: nuove soluzioni da PerkinElmer

Laboratorio 4.0 e Gascromatografia: nuove soluzioni da PerkinElmer

La nuova piattaforma GC 2400TM di PerkinElmer aiuta i responsabili dei laboratori a promuovere l’abilitazione digitale, l’automazione dei processi e...

Intervista esclusiva a 8853 Spa

Intervista esclusiva a 8853 Spa

Enrico Ambrogi, Sales manager di 8853 Spa presenta l'azienda leader in Italia nel settore dei metalli preziosi e dei semilavorati...

Webinar B2Better su IoT e AI: l’automazione in laboratori e industrie

Webinar B2Better su IoT e AI: l’automazione in laboratori e industrie

Il B2Better di martedì 4 ottobre 2022 vedrà la partecipazione del Dott. Gianluigi Ferrari, Professore Associato di Telecomunicazioni presso l’Università...

Share This