Dagli scarti vegetali un estratto antibatterico per aumentare la vita degli alimenti

5 Luglio 2019
Estratto batterico

Depositato un importante brevetto frutto della ricerca di un gruppo multidisciplinare del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma

 

Un estratto antibatterico, ottenuto partendo da sottoprodotti della filiera ortofrutticola, per aumentare la shelf-life degli alimenti. È il traguardo cui è giunto un gruppo di ricerca multidisciplinare del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma, che con il supporto dell’Ateneo ha recentemente depositato un nuovo brevetto di ricerca per invenzione industriale intitolato proprio “Produzione di antimicrobici da scarti vegetali”.

Gli inventori del brevetto (Camilla LazziValentina BerniniErasmo NevianiGianni GalavernaMartina CirliniAnnalisa RicciAntonietta MaoloniLuca Calani e Silvia Zanetti del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco) hanno sviluppato un processo che si basa sulla fermentazione di sottoprodotti della lavorazione di pomodoro, melone e carota, ottenendo poi un estratto attivo che ha mostrato in vitro e in situ (in alimenti) una rilevante attività antibatterica nei confronti dei più comuni patogeni alimentari, quali Listeria monocytogenesStaphylococcus aureusEscherichia coliBacillus cereus,Salmonella, e nei confronti di microflore alterative.

Il nuovo prodotto, che non contiene molecole di sintesi, potrà trovare impiego come ingrediente per aumentare la shelf-life (“vita di scaffale”) degli alimenti.

Il traguardo è stato raggiunto anche grazie al sostegno della Fondazione Cariparma: un finanziamento erogato nell’ambito della sessione speciale 2017, infatti, ha permesso di porre le basi del nuovo filone di ricerca, che nel corso di due anni ha portato al deposito del brevetto.

Questa importante realizzazione è frutto dell’integrazione delle competenze microbiologiche e chimiche del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco e della nuova linea di ricerca indirizzata alla valorizzazione dei sottoprodotti mediante fermentazione in stato solido per il recupero di molecole di interesse industriale. Questa tematica, che si inserisce nella più ampia strategia della Bioeconomia circolare, permette la valorizzazione di materiali di scarto per la produzione di composti innovativi ad alto valore aggiunto che possono trovare impiego in differenti ambiti industriali (alimentare, mangimistico, chimico e farmaceutico). In particolare, il gruppo di Microbiologia degli Alimenti dell’Ateneo è attualmente depositario di una collezione microbica costituita da 4000 ceppi batterici: un enorme patrimonio biologico che rappresenta una grande potenzialità, ancora poco esplorata, per il trattamento di residui di lavorazione agro-industriale che potrebbero generare nuovo reddito mediante processi green e sostenibili.

Fonte: Ufficio Stampa Università di Parma

ARTICOLI CORRELATI

Iwa 2019

I benefici pigmenti “rossi” di frutta e verdura al centro del congresso internazionale IWA 2019

Il colorato mondo degli antociani, contenuti nei piccoli frutti, nell’uva e nel vino, alla Fondazione Edmund Mach di San Michele...

Cibus Tec

Cibus Tec 2019: più padiglioni, più buyer, più settori

Nel complesso 1.300 aziende che potranno attingere, anche grazie al supporto di ICE-Agenzia, al più grande programma Top Buyer di...

Blockchain

La sicurezza alimentare? Passa dalla blockchain. Ma solo 1 azienda su 10 la utilizza

Le aziende del settore stanno iniziando a utilizzare la blockchain per tracciare la trasformazione del cibo

Pin It on Pinterest

Share This