Monitoraggio meteorologico: a cosa serve?

18 Marzo 2021
meteorologica
Le misure meteorologiche hanno molteplici impieghi che le rendono di primaria importanza per il monitoraggio di aree, più o meno ampie, e per la gestione di situazioni estreme, quali esondazioni, nevicate eccezionali, vento forte o radiazione solare nociva.

 

Le stazioni meteorologiche professionali sono impiegate per rilevare i dati che sono alla base dei complessi algoritmi dei modelli previsionali. Le lunghe serie storiche di dati meteorologici affidabili e di qualità rendono un prezioso contributo alla ricerca del cambiamento climatico sia a livello locale sia alla mesoscala.

 

Da cosa è composta una stazione meteorologica?

Una stazione meteorologica è tipicamente composta da una serie di sensori per la registrazione delle misure dei vari parametri: radiazione solare, direzione e velocità del vento, temperatura e umidità dell’aria, precipitazioni, pressione atmosferica e altri.
Tutti i dati sono memorizzati nel data logger, che ha il compito di archiviarli, elaborare delle prime grandezze calcolate, e gestire la comunicazione dei dati stessi verso un server web o tradizionale.
La stazione meteorologica è assemblata su una o più strutture come pali o tralicci a seconda nel luogo di installazione. Esistono delle prescrizioni W.M.O. sull’installazione della stazione meteorologica affinché i dati siano di qualità e rappresentativi della zona climatica.
Il funzionamento continuo di tutti gli apparati è garantito dall’alimentazione da rete fissa o a pannelli solari. In questo ultimo caso, il dimensionamento è calcolato sulla base del numero di sensori, della rata di acquisizione e trasmissione dei dati, sulla disponibilità di radiazione solare (latitudine, copertura nuvolosa frequente o di lunga durata).
Completa la stazione il sistema di trasmissione dei dati, via modem, via radio o più raramente via cavo.

 

Come funziona una stazione meteorologica?

I sensori registrano le misure “grezze” ad intervalli di tempo personalizzabili di pochi secondi. Il data logger archivia tutti questi dati ed elabora alcune grandezze calcolate, quali il dato orario, la deviazione standard, la media per ogni grandezza. I data logger LSI Lastem sono in grado di svolgere, memorizzare e trasmettere anche calcoli più specifici e complessi quali il vento trasversale per la sicurezza aeroportuale o il calcolo dell’evapotraspirazione per l’agrometeorologia.
A intervalli preconfigurati il sistema di comunicazione invia i dati archiviati nel data logger al server web o tradizionale. Dai data logger LSI Lastem è possibile anche gestire l’invio di messaggi di alert automatizzati che inviano SMS al superamento di soglie predisposte.

 

Soluzioni professionali

Dal 1972, LSI Lastem sviluppa, produce e vende in tutto il mondo la gamma più completa di stazioni meteorologiche di alta qualità. Le apparecchiature LSI Lastem sono adatte a molti tipi di applicazioni, garantendo osservazioni meteorologiche accurate e affidabili sia per il monitoraggio portatile che a lungo termine.
Le stazioni meteorologiche LSI Lastem comprendono sensorisistemi di acquisizione datisoftware e accessori di installazione, costituendo un sistema di osservazione meteorologica di superficie completo, secondo gli standard WMO, che può operare individualmente o inserito in una rete.
La vasta gamma di sensori copre praticamente qualsiasi parametro meteorologico, come ad esempio, direzione e velocità del vento, temperatura, umidità relativa, radiazione solare, pioggia, pressione atmosferica, evaporazione, visibilità e molti altri.
Tutti i data logger per applicazioni ambientali LSI Lastem sono caratterizzati da un basso consumo energetico, sono resistenti a condizioni ambientali rigide e supportano un’ampia gamma di segnali e protocolli di comunicazione.
Ciò rende LSI Lastem un riferimento unico nel campo dei monitoraggi meteorologici professionali.

 

VAI ALLA SCHEDA DI “LSI LASTEM”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

campionamento

Campionamento ambientale: quali sono i rischi e gli errori più comuni?

Roberto Cenci, esperto in valutazioni ambientali nei comparti Acqua, Aria, Suolo e bioindicatori, risponde ad alcune nostre domande

microplastiche

Ambiente, la “coda lunga” delle microplastiche

Pubblicato su Nature Communications Biology, uno studio firmato da ricercatori italiani dimostra i molteplici effetti negativi a livello molecolare...

ambientali

Monitorare le condizioni ambientali nei laboratori in modo efficiente e conforme alle norme

Che si tratti di esperimenti, serie di prove, sviluppo di prodotti o test antidroga, nei laboratori medici...

Share This