Nutrizione e oncologia, dalla prevenzione alla terapia

3 Ottobre 2018
nutrizione

Il 19° congresso Nazionale ANSISA il 5 e 6 ottobre dedicato ai professionisti

 

L’argomento nutrizione e oncologia viene spesso affrontato in maniera poco chiara, sia nel mondo scientifico sia sui media. Un’alimentazione sana e un corretto stile di vita sono fondamentali non solo per la prevenzione dei tumori ma anche per le negative conseguenze di un cattivo stato nutrizionale nel paziente malato di cancro. Quali sono le indicazioni supportate da validità scientifica? Quali sono gli interventi più efficaci per prevenire la malnutrizione nel malato oncologico?  

 

A tutto questo è dedicato il 19° Congresso Nazionale ANSISA (Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell’Alimentazione), che si terrà venerdì 5 (a partire dalle ore 13.30) e sabato 6 ottobre nell’Area Malpensa di Solbiate Olona (Varese).

Il corso, rivolto a medici, dietisti, biologi, psicologi e infermieri, fornisce un totale di 9,9 crediti ECM (5 per la giornata di venerdì e 4,9 per sabato). Nel corso delle due giornate, gli incontri saranno suddivisi in tre aree tematiche che trattano la dieta nelle malattie oncologiche, alimentazione e prevenzione, e infine le raccomandazioni nutrizionali. È possibile partecipare a una sola o entrambe le giornate del congresso e i contributi di partecipazione sono differenti per i soci e i non associati.

Per informazioni, iscrizioni e costi di partecipazione è possibile contattare la Segreteria ANSiSA (via Hermada 15, 20162, Milano) al numero di telefono 02 6436788 e all’indirizzo e-mail ansisasegreteria@libero.it, oppure visitare il sito webdell’associazione.

ARTICOLI CORRELATI

pollo

Campylobacter: un rischio sottovalutato?

Il 19° congresso Nazionale ANSISA il 5 e 6 ottobre dedicato ai professionisti   L’argomento nutrizione e oncologia viene spesso affrontato...

CDR

Il sistema di analisi per il controllo di qualità del latte e dei prodotti caseari

CDR FoodLab® è il sistema di analisi del latte e dei prodotti caseari per effettuare i controlli di qualità durante tutto...

università di parma

640mila euro all’Università di Parma dal Programma europeo “PRIMA”

Finanziati i progetti “MED4Youth” e “SAFFROMFOOD” nell’ambito della call europea “Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area"

Pin It on Pinterest

Share This