Ricerca Ue, colture più produttive con l’aiuto della genomica

7 Agosto 2020
genomica

Sant’Anna di Pisa: studio su fotosintesi di orzo, mais, pomodori

 

Una nuova rivoluzione verde, basata sull’uso della genomica, per affrontare il cambiamento climatico, aumentare la sicurezza alimentare e prevenire eventuali crisi alimentari, legate al continuo aumentare della popolazione mondiale, che nel 2050 potrebbe raggiungere i 9 miliardi.

Sono le premesse del progetto europeo “Capitalise”, coordinato dall’Università di Wageningen nell’ambito del programma “Horizon 2020”, che ambisce a migliorare l’efficienza energetica delle piante, attraverso la fotosintesi, aumentandone così la resa.

La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa è il partner italiano di questo progetto, finanziato in totale con 8,6 milioni di euro. Il gruppo multidisciplinare include scienziati di università europee, centri di ricerca e industrie del miglioramento genetico quali le olandesi Basf e Limagrain e la tedesca Kws, oltre che partner di ricerca in Israele e in Etiopia.

Entro il 2050 la popolazione mondiale dovrebbe superare i 9 miliardi di persone, gli esperti di sicurezza alimentare – spiega la Sant’Anna – stimano che sia necessario un aumento del 110% della produttività delle colture ma gli attuali miglioramenti della resa sono soltanto dell’1% circa all’anno e l’aumento della produttività di alcune colture chiave, come grano e riso, si è fermato in alcune importanti aree di produzione.

Durante i cinque anni della durata del progetto “Capitalise”, docenti e ricercatori saranno impegnati per comprendere meglio i meccanismi della fotosintesi di orzo, pomodoro, mais per ottenere quella che definiscono una rivoluzione nelle rese delle colture, aumentandola. Per raggiungere gli obiettivi del progetto “Capitalise”, docenti e ricercatori si serviranno degli strumenti della genomica, della caratterizzazione molecolare e della fisiologia della respirazione delle piante per comprendere quali sono le basi dell’efficienza fotosintetica.

Matteo Dell’Acqua, ricercatore dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e responsabile della gestione delle risorse genetiche del progetto, afferma: “La variabilità naturale è la chiave del progetto. Nuove caratteristiche legate all’efficienza fotosintetica possono essere trovate esplorando collezioni di risorse genetiche di orzo, mais, e pomodoro coltivate in Europa, Africa e Medio Oriente. Nella loro diversità genetica si nasconde la chiave per migliorare le colture e renderle resistenti ai cambiamenti climatici”.

ARTICOLI CORRELATI

economia circolare

L’economia circolare del cibo: la città come piattaforma virtuosa. Il caso di Milano

Grazie alla collaborazione con consorzi, imprese, università, il Comune di Milano ha sviluppato un modello di riciclo...

Microalghe

Microalghe: insospettabili e sostenibili opportunità di mercato

Al Padiglione Italia di Expo 2020 di Dubai le microalghe usate per trasformare in ossigeno l’anidride carbonica prodotta dai visitatori...

Riscaldamento

Riscaldamento degli oceani, nuovo record nel 2020

Primato per il Mar Mediterraneo, anche sempre più salato   Il contenuto termico degli oceani nel 2020 è il più elevato...

Pin It on Pinterest

Share This