Ue, ok a revisione direttiva acqua potabile

8 Marzo 2019
acqua

Costa, Italia ottiene impegni su Pfas e diritto di accesso

 

Il Consiglio dei ministri dell’ambiente Ue ha approvato una posizione comune sulla proposta di revisione della direttiva sull’acqua potabile, che aggiorna gli standard qualitativi e le regole per il monitoraggio dell’acqua da rubinetto, e prevede un giro di vite per alcuni contaminanti e disposizioni per migliorare l’accesso all’acqua.

“L’Italia ha ottenuto un rafforzamento del testo sul diritto di accesso all’acqua, che è universale e irrinunciabile”, ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Una stretta è prevista per le sostanze perfluoroalchiliche (Pfas). “Nell’ambito di un limite accettabile a 0,1 microgrammi per litro i Pfas in generale – ha spiegato Costa – abbiamo chiesto che Pfos e Pfoa fossero praticamente zero”. La revisione della direttiva sull’acqua potabile è conseguenza dell’iniziativa dei cittadini europei “Right2Water”, la prima a sfociare in un processo legislativo Ue.

L’Europarlamento ha adottato la sua posizione nell’autunno 2018, ma i tempi sono troppo stretti per iniziare il negoziato con il Consiglio prima delle elezioni europee, e la nuova direttiva vedrà la luce nella prossima legislatura.

ARTICOLI CORRELATI

Blue book

Utilitalia pubblica il Blue Book, la monografia sull’industria del servizio idrico integrato

Crescono gli investimenti, migliora la situazione della depurazione ma il Paese resta ancora diviso tra il Nord e il Sud

Sardinia 2019

Smart & Digital Waste Management

Al Sardinia 2019 verrà approfondito come la rivoluzione digitale potrà trasformare e migliorare il campo del Waste Management

Mammoet

Mammoet e la Giga Season di Azimut Benetti

I cantieri italiani hanno varato a Livorno tre Gigayacht da oltre cento metri l’uno nell’arco di tre mesi

Pin It on Pinterest

Share This