A&T Nordest, superate le 10mila presenze in Fiera a Vicenza: piattaforma per la crescita e il trasferimento tecnologico

30 Ottobre 2023
A&T Nordest

Superate le 10 mila presenze sui tre giorni. 264 espositori dal territorio, dall’Italia e dall’estero. Oltre 2000 tecnologie innovative in vetrina suddivise in nove filiere produttive. Un ampio programma di eventi, workshop, convegni e tavole rotonde ha coinvolto 80 relatori qualificati, imprenditori, accademici, rappresentanti delle categorie economiche.

 

Dall’ideale al fattibile, la fiera A&T Nordest si conferma la piattaforma che favorisce la crescita competitiva delle imprese e il trasferimento tecnologico dai centri di ricerca e universitari alle applicazioni industriali.

Si è chiusa oggi con questo messaggio la prima edizione di A&T Nordest, la fiera dedicata all’innovazione in ottica industria 4.0 e 5.0.

 

Il comparto industriale del Nordest ha una forte capacità attrattiva a livello nazionale e internazionale e infatti la fiera ha richiamato a Vicenza 264 espositori dal Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, dall’Italia e dall’estero e contato più di 10 mila presenze. In vetrina oltre duemila tecnologie dedicate a produzione, ricerca e sviluppo, misure e prove, intralogistica e additive manufacturing.

Ma, al di là dei numeri estremamente positivi per questa prima edizione, sono stati i temi posti nelle tavole rotonde e nei convegni ad aver attirato l’interesse degli imprenditori, delle istituzioni, delle associazioni di categoria e del mondo accademico, rappresentato da tutte le Università del territorio. Perché lo sviluppo e l’introduzione delle nuove tecnologie digitali, dalla robotica alla logistica collaborativa, l’Intelligenza artificiale applicata all’industria, impongono un nuovo paradigma. Se da un lato le imprese non possono essere lasciate sole ad affrontare un’evoluzione costante e sempre più veloce, d’altro canto hanno bisogno di strumenti che favoriscano la cooperazione, la condivisione delle conoscenze e l’aumento delle dimensioni aziendali. In sintesi, c’è la necessità di fare sistema tra tutti i portatori di interesse e creare un ecosistema diffuso dell’innovazione con ricadute positive sulla competitività industriale, sull’attrazione di talenti e sul posizionamento internazionale del territorio.

“La twin transition non è più un’opzione e, forse, nemmeno più un fattore competitivo. Sostenibilità e digitalizzazione sono ormai dei requisiti di base per fare impresa e per contribuire allo sviluppo dei territori. C’è una consapevolezza diffusa rispetto a questi temi e lo dimostra la straordinaria risposta delle imprese, degli atenei e delle categorie economiche alla proposta di A&T a Vicenza”, afferma il Ceo di A&T, Luciano Malgaroli. “Colgo da parte delle aziende, oltre all’orgoglio di presentare le rispettive innovazioni, la volontà di un confronto continuo con le università, con i centri di ricerca, con le istituzioni. Del resto, nell’economia della conoscenza, sono gli ecosistemi complessi a garantire una crescita costante – delle imprese e dei territori – con ricadute benefiche e ben distribuite sull’economia, sul lavoro e sulla società”.

Un cantiere aperto dunque, in cui A&T si pone come piattaforma di marketing territoriale per attrarre a Nordest imprese, capitali e portatori di interesse dall’Italia e dall’estero. Lo ha dimostrato in questa tre giorni della prima edizione anche grazie al forte contributo del Comitato Scientifico Industriale (CSI) guidato da Alberto Baban. Tramite gli atenei, il CSI ha reso evidenti le sfide connesse al trasferimento tecnologico dal mondo accademico a quello industriale. L’ampio programma di convegni e tavole rotonde ha portato a discutere di questi temi più di 80 relatori qualificati tra cui esperti, imprenditori, rappresentanti delle categorie economiche e accademici gli atenei di Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

Aumentare le competenze 4.0 e 5.0 e promuovere una cultura di impresa che guardi in modo strategico alle tecnologie digitali anche in chiave di sviluppo sostenibile rimangono tra gli obiettivi di A&T che ha cercato e ottenuto il supporto di sei Ambassador dell’innovazione. Gennaro D’Andrea di Lincotek, Massimiliano Giuffrida di Fincantieri, Alfredo Maglione di Optoi, Antonello Mordeglia di Danieli Automation, Massimiliano Tesser di Came e Federico Visentin di Mevis hanno testimoniato la concreta possibilità di come le aziende possano introdurre nuovi modelli organizzativi e tecnologie innovative.

La prima edizione 2023 della Fiera A&T Nordest, ha visto transitare al polo fieristico di Vicenza nei tre giorni oltre 10 mila persone estremamente profilate sul mondo industriale. Inoltre la Fiera ha confermato la propria attenzione verso i giovani favorendo la collaborazione con tre istituti superiori presenti con diverse classi e con l’ITS Alto Adriatico confermando l’alto valore formativo dell’evento. Sono state invece 264 le aziende espositrici, di cui 102 dal Nordest e 162 dall’Italia e dall’estero. Oltre 2000 le tecnologie presentate e testate dal pubblico che ha potuto anche fruire di un programma ricco di appuntamenti e di opportunità di business focalizzati sulle aziende manifatturiere, con attenzione particolare su nove filiere di riferimento: automazione e meccatronica, elettronica ed elettromeccanica, elettrodomestici condizionamenti e refrigerazione, sport system, occhialeria & fashion style, food & beverage, meccanica generale e subfornitura, farmaceutico cosmetico e biomedicale, navale. Oltre all’evento di apertura in cui è stata presentata la ricerca ‘La trasformazione digitale delle PMI Italiane: spunti e riflessioni sul Nord-Est’ realizzata dall’Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano, in evidenza il dimostratore di intelligenza artificiale dedicato alla manifattura realizzato dagli esperti dell’Università di Verona e il vasto programma di workshop organizzati dagli espositori. Eventi pratici dove sono state presentate tecnologie, nuovi prodotti e i tagli applicativi nell’ottica di incrementare produttività e competitività aziendali.

Molto apprezzato anche lo Startup village, che ha ospitato 13 startup innovative, provenienti da tutta Italia, legate alle filiere automotive, meccatronica, sport system, IT, fashion. Un importante plus per i visitatori industriali che hanno avuto l’opportunità di scoprire progetti d’innovazione e valutare opportunità di business e partnership.

A&T Nordest è stata realizzata in partnership istituzionale con Accredia, Comet e Hub Innovazione Trentino e ha ottenuto i patrocini di tutto il sistema confindustriale del Nordest, di Confartigianato Imprese del Veneto, di Apindustria Confimi Vicenza, di Confimi Industria del Veneto, dei Digital Innovation Hub di Confartigianato Vicenza e di Confindustria Udine, di Smact Competence Center, della Cuoa Business School, di Assintel e del Lef di Pordenone.

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

FT-NIR

FT-NIR Bruker: analisi rapide e non distruttive dal laboratorio all’impianto

La spettroscopia FT-NIR ha un netto vantaggio rispetto ad altre tecnologie: fornisce analisi in pochi secondi senza nessuna preparativa del...

NIR ITALIA 2024

Innovazioni ed applicazioni della spettroscopia NIR al prossimo NIR ITALIA 2024

Il Simposio Nazionale di Spettroscopia NIR è l’evento italiano di riferimento per la condivisione delle conoscenze e la promozione delle...

LAB Italia 2024: la fiera per l’industria dei laboratori

LAB Italia, il nuovo ed unico evento dedicato all'innovazione nei laboratori in Italia, aprirà le sue porte tra poco più...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

LabWorld

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 59

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a:Anes  Assolombarda