I feedback positivi dai laboratori sugli incubatori a CO2 di BINDER

1 febbraio 2018
incubatori a CO2 di BINDER

Gli incubatori a CO2 con agitatore a rotazione riscuotono feedback positivi nei laboratori per colture cellulari

 

Tramite il proprio sito aziendale BINDER ha reso noto che gli agitatori a rotazione negli incubatori a COhanno ricevuto i primi feedback positivi.

A quanto pare gli scienziati che lavorano con colture cellulari in sospensione sono rimasti positivamente impressionati dal nuovo sistema, stando a quanto riportato BINDER. Tra gli aspetti più apprezzati è menzionata l’alimentazione elettrica dell’agitatore, che può essere comandato da un controller ubicato al di fuori dell’incubatore a CO2: ciò consente di mantenere la temperatura all’interno dello strumento in modo costante a 37 gradi, senza correre il rischio surriscaldamento.

Il biologo Dott. Ric. Jens Thielmann, manager di prodotto presso BINDER, in merito ha dichiarato: “Ci siamo trovati davanti al problema di come posare il cavo senza ricorrere alla soluzione classica tramite foro passante, con conseguente maggior rischio di formazione di condensa nel vano interno, e quindi elevato pericolo di contaminazione”.

I ricercatori dell’azienda si sono focalizzati su due modi alternativi per alimentare l’agitatore, senza incorrere in conseguenze collaterali negative: la prima soluzione “universale” prevede l’impiego di uno speciale cavo a nastro di collegamento tra controller e agitatore, che viene fatto passare tra guarnizione e porta; la seconda soluzione, considerata come la variante professional, prevede che i cavi del controller e dell’agitatore siano dotati di spine LEMO, per essere poi collegati elettricamente attraverso un foro per cavo elettrico a tenuta di gas.

I vantaggi che contraddistinguono l’agitatore non finiscono qui: BINDER fa sapere che esso è stato realizzato con componenti resistenti alla corrosione e racchiuso in un corpo alloggiante di acciaio inox, inoltre è in grado di resistere alle condizioni più estreme presenti nell’incubatore a CO2. Da sottolineare come sia importante anche che le condizioni nell’incubatore a CO2 permangono costanti anche con agitatore in funzione, grazie alla cessione di calore di massimo quattro Watt.

Per via dei motivi sopraelencati, l’incubatore a CO2 BINDER ha riscosso ottimi feed durante l’utilizzo nei laboratori. Sia le aziende del settore farmaceutico che le università impiegano con sempre maggiore frequenza l’incubatore a CO2 con agitatore a rotazione. È stato possibile, per esempio, effettuare con la massima precisione dei test con cellule ematiche e altri tipi di cellule idonee nel campo della ricerca sui principi attivi, grazie alla nuova tecnologia dell’azienda tedesca.

ARTICOLI CORRELATI

Johnson & Johnson

L’incubatore d’impresa di Johnson & Johnson apre le porte alla ricerca italiana

Si tratta dell’incubatore d’impresa di Johnson & Johnson Innovation, nato come nuovo approccio all’innovazione esterna per l’industria farmaceutica nel suo...

microcosmo

ENEA simulatore smart per coltivare piante nello spazio

ENEA ha brevettato e realizzato presso il Centro Ricerche di Portici il primo “microcosmo” per la coltivazione al chiuso e...

openzone

Partiti i lavori per l'ampliamento di OpenZone

Sono iniziati a Bresso i lavori per l'ampliamento di OpenZone, il campus privato dedicato alle Scienze della Vita creato da...

Pin It on Pinterest

Share This