La prima cellula artificiale che sopravvive da sola, o quasi

4 Aprile 2019
cellula

Grazie alla fotosintesi produce energia e sostanze necessarie

 

Ottenuta in laboratorio la prima cellula artificiale in grado di sopravvivere quasi interamente da sola: produce l’energia e parte delle sostanze che le servono grazie alla fotosintesi, avvicinandosi come mai prima alle normali cellule biologiche. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications e guidato dall’Istituto di Tecnologia di Tokyo, non solo farà progredire la ricerca sullo sviluppo della vita sulla Terra, ma aiuterà anche a produrre interi organi artificiali e altri tessuti del corpo.

 

I ricercatori guidati da Samuel Berhanu sono riusciti ad inserire nella membrana delle loro cellule le proteine necessarie per il processo della fotosintesi, che sfrutta l’energia della luce per generare energia utilizzabile e le varie molecole necessarie alla vita. Durante gli esperimenti, le cellule sintetiche si sono comportate proprio come quelle reali, anche se non sono state in grado di produrre proprio tutte le sostanze indispensabili alla loro completa autonomia. I ricercatori tuttavia ritengono che l’obiettivo sia ormai a portata di mano: “Le nostre cellule fotosintetiche artificiali – commentano – spianano la strada alla costruzione di una cellula sintetica completamente indipendente dal punto di vista energetico”.

 

Lo studio potrebbe gettare nuova luce su come hanno fatto le prime protocellule comparse sul pianeta ad evolversi nelle cellule moderne, mostrando ai ricercatori i passaggi fondamentali che hanno permesso la nascita della vita sulla Terra. Ma le cellule artificiali potrebbero trovare applicazione in moltissimi altri campi: ad esempio come mezzi per somministrare farmaci all’interno del corpo, oppure nello sviluppo di sensori super-intelligenti.

ARTICOLI CORRELATI

Telethon

Progetto dell'Università di Parma finanziato da fondazione Telethon per la ricerca su malattie genetiche rare

Il progetto sarà focalizzato sull'identificazione di nuovi farmaci per le malattie mitocondriali

Ohaus

L'utilizzo delle centrifughe OHAUS nelle indagini sulla scena del crimine

La centrifuga refrigerata ad alta velocità FC5515R di OHAUS è in grado di garantire precisione e risultati affidabili di alta...

Car-t

Lotta ai tumori: CAR-T, servono centri specializzati

L'immunoterapia come strategia di cura dei tumori negli ultimi anni ha aperto nuovi scenari e nuove possibilità di cura per...

Pin It on Pinterest

Share This