Medicina più sicura e più accessibile per tutti con la farmacogenomica

4 Marzo 2020
Farmacogenomica

La farmacogenomica è un nuovo ramo della ricerca scientifica incentrato sull’interazione tra il genoma umano e la sicurezza e l’efficacia dei farmaci moderni il cui scopo è aiutare i medici a selezionare i farmaci e le dosi più adatte a ogni singolo paziente.

Secondo il dott. Mike Tocci, decano associato del New Jersey Center for Science, Technology & Mathematics presso la Kean University, “Ogni persona ha un insieme unico di geni, quindi il modo in cui la malattia si manifesta in un individuo e come il suo corpo risponde al trattamento con specifici farmaci sono diversi“.

 

Biologo molecolare, immunologo ed ex Responsabile di Genomica e Biologia presso Sanofi, Tocci ha lavorato alla scoperta di farmaci e allo sviluppo preclinico per la maggior parte della sua carriera, e descrive la farmacogenomica come uno dei principali componenti della “medicina personalizzata“.

Stiamo apprendendo i modi in cui, attraverso i geni, i farmaci vengono metabolizzati e diventano efficaci nei singoli individui, oppure come vengono limitati da reazioni avverse nei singoli pazienti o popolazioni di pazienti. I medici e i ricercatori farmaceutici stanno imparando rapidamente il modo in cui pazienti rispondono a certi composti, per trattare meglio le malattie“.

Grazie alla capacità di identificare e monitorare i biomarcatori, la ricerca sulla farmacogenomica si è dimostrata più adatta ad alcune malattie rispetto ad altre. “Non possediamo biomarcatori per tutti i tipi di cellule tumorali o una buona stima riguardo a quali tipi di cellule rispondono ai diversi tipi di farmaci; stiamo però imparando di più sulle modalità di funzionamento dei vari tipi di cellule nel corpo umano. In questo modo, alla fine otterremo una migliore comprensione dell’influenza dei nostri genomi sull’azione di specifici farmaci”, ha spiegato il dott. Tocci.

Nonostante la maggior parte delle ricerche nel campo della farmacogenomica fino a oggi si sia concentrata sulla risposta a farmaci creati appositamente per il trattamento di malattie cardiovascolari, morbo di Alzheimer, cancro, HIV/AIDS, asma e simili, esistono ora delle opportunità anche per i pazienti affetti da disturbi neuropsichiatrici come la depressione, la schizofrenia e il disturbo bipolare, che spesso soffrono di gravi effetti collaterali a causa del farmaco assunto, anche dopo l’interruzione della cura

 

Come allestire un efficace laboratorio di farmacogenomica 

Nello studio della farmacogenomica, molteplici fattori rendono ancora più essenziale che le attrezzature da laboratorio forniscano risultati esatti, precisi e ripetibili. OHAUS offre una selezione completa di opzioni intuitive, sicure e compatte per ogni laboratorio.

CLINICA

CENTRIFUGHE FRONTIER MULTI-PRO

OHAUS offre centrifughe resistenti e di alta qualità, dotate di una varietà di opzioni di rotori, consentendo ai tecnici di prelevare e separare il sangue a prescindere dalla dimensione del campione o dal metodo. I modelli possono ospitare provette di raccolta sottovuoto.

MINI AGITATORE VORTEX

Utilizzato per la miscelazione rapida di vari materiali durante la preparazione del campione. OHAUS offre diverse opzioni durature ed efficaci, per garantire una procedura di successo, qualsiasi sia la dimensione del campione. Disponibili attacchi per micropiastre.

RISCALDATORE A SECCO A BLOCCHI

Riscaldate con precisione i campioni utilizzando l’ampia gamma di riscaldatori a secco a blocchi OHAUS. Sono disponibili diversi blocchi modulari per ogni dimensione e forma del campione. Le portate comprendono 1, 2,4 e 6 riscaldatori a blocchi.

RICERCA

MICROCENTRIFUGHE FRONTIER SERIE 5000

OHAUS offre centrifughe resistenti e di alta qualità, dotate di una varietà di opzioni di rotori, consentendo ai ricercatori di separare cellule e materiali di tutte le dimensioni, sia a temperatura ambiente che in spazi refrigerati. Le opzioni con rotore ad angolo fisso o flessibile possono ospitare provette con una portata da 0,5 a 200 mi.

AGITATORE OSCILLANTE

Eseguite colorazioni, tamponi e analisi senza preoccupazioni, grazie alla gamma di affidabili agitatori oscillanti OHAUS. Tutti gli agitatori sono costruiti con un motore a triplo eccentrico per una maggiore precisione e affidabilità. Tutte le unità sono dotate di varie opzioni di fissaggio del vassoio, oltre alla possibilità di modificare l’angolo di oscillazione mentre l’unità è in uso. Sono disponibili anche unità con movimento orbitale, alternativo e oscillatorio.

 AGITATORE TERMICO

Preparate campioni di DNA riproducibili, utilizzando gli agitatori termici OHAUS. Entrambi i modelli sono dotati di un display touchscreen e consentono all’utente di salvare i programmi e di esportare i dati. Sono disponibili vari attacchi a blocco per adattarsi a tutte le dimensioni standard dei tubi. Il modello di punta comprende sia la funzione di riscaldamento che di raffreddamento.

AGITATORI/PIASTRE RISCALDANTI

La serie di agitatori/piastre riscaldanti Guardian di OHAUS, che verrà lanciata alPinizio/metà del 2020, offrirà una gamma completa di unità avanzate, per adattarsi a tutte le procedure con sicurezza e affidabilità. Le unità verranno offerte nelle opzioni 4”x 4″, 7″x 7″, 10″x 10″ e con parte superiore rotonda.

Ovunque le future ricerche sulla farmacogenomica condurranno gli scienziati, OHAUS sarà al loro fianco per sostenerli con strumenti di precisione affidabili e un’assistenza tecnica costante.

 

ARTICOLI CORRELATI

FPS

FPS presenta il primo prototipo di cabina per l’esecuzione di tamponi per COVID-19

Partendo dall’idea dell’ospedale Coreano Yangji di Seul, FPS ha progettato il primo prototipo di Safety Box per...

Avigan

L'Avigan sbarca in Italia: "Ma non ci sono prove della sua efficacia"

Il ministro Speranza annuncia che l'Aifa sta sviluppando un programma di sperimentazione del farmaco giapponese usato per chi è infettato...

ventilatore

Un ventilatore per due pazienti, la scoperta italiana che raddoppia i posti in terapia intensiva

Ideato dal professor Marco Ranieri dell'Università di Bologna, permette di collegare un solo respiratore per fornire...

Pin It on Pinterest

Share This