Monografia: metodi analitici nel settore enologico

2 Febbraio 2021
Monografia

L’analisi rapida e accurata di mosti e vini è essenziale per una razionale gestione del processo produttivo, a partire dalla raccolta delle uve fino alla loro vinificazione, e in fase di affinamento. Essa consente di stabilire la composizione del prodotto e la sua genuinità (l’assenza di manipolazioni o aggiunte illecite), l’assenza di malattie, alterazioni, nonché il possesso di requisiti prescritti per legge (grado alcolico, estratto secco, solforosa, ecc.).

A tale scopo sono impiegati diversi approcci chimico-analitici: l’analisi chimica classica (distillazione in corrente di vapore, titolazioni) o strumentale (via GC e HPLC), e l’analisi enzimatica.

 

Ogni sistema presenta le sue peculiarità: l’analisi strumentale, ad esempio, garantisce un risultato accurato ma, di contro, richiede un elevato investimento in strumentazione e una preparazione del campione laboriosa (estrazione, purificazione, derivatizzazione); l’analisi chimica classica è poco costosa ma spesso non automatizzabile, con un importante impiego del tempo/operatore.

L’analisi enzimatica, invece, coniuga una misurazione precisa ed affidabile con la possibilità di utilizzo di analizzatori automatici mono e multi-parametrici, con una differente produttività analitica (dai 4 fino a 250 test/ora), e rappresenta, pertanto, la risposta alle diverse esigenze di piccole e medie cantine, fino ai grandi laboratori enologici.

Grazie alla monografia “Metodi analitici nel settore enologico: stato dell’arte e vantaggi dell’automazione dell’analisi enzimatica” della Dott.ssa Tiziana Mariarita Granato, PhD, Project Manager Enzymatic & Automation R-Biopharm Italia si potranno approfondire anche i seguenti argomenti:

• Il controllo dei processi chimici e microbiologici in vinificazione
• Le metodologie e lo stato dell’arte dell’analisi enzimatica
• I vantaggi dell’automazione del processo analitico
• Le diverse tipologie di analizzatori automatici in commercio

 

VISITA L’AZIENDA “R-BIOPHARM”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

CM-5

Konica Minolta CM-5, lo spettrofotometro compatto per la misura del colore

Dalla comparsa del primo Chroma-Meter nei primi anni 80, Konica Minolta è stata una pioniera per gli strumenti portatili...

Adifo Software

La nuova partnership tra BASF e Adifo Software per potenziare la sostenibilità dei mangimi

Integrando l'analisi di sostenibilità generata dal progetto di BASF con il software di formulazione...

economia circolare

L’economia circolare del cibo: la città come piattaforma virtuosa. Il caso di Milano

Grazie alla collaborazione con consorzi, imprese, università, il Comune di Milano ha sviluppato un modello di riciclo...

Share This