Nuovo spettrometro compatto per la ricerca

12 Maggio 2022
Nuovo spettrometro compatto per la ricerca

Nella progettazione del nuovo spettrometro FTIR-4X, JASCO si è posta come obiettivo quello di soddisfare le sempre più crescenti esigenze di sistemi flessibili, robusti e potenti.

 

JASCO FTIR-4XLE dispone di un rapporto Segnale-Rumore di 35.000:1 che permette per eseguire la misurazione di campioni di piccolo volume ed alta sensibilità e di una risoluzione minima di 0.4 cm -1 ideale per misure su gas e aeriformi, oltre che esperimenti su campioni liquidi, solidi e polveri.

 

L’interferometro sigillato e riscaldato a montaggio di MICHELSON è totalmente esente da necessità di allineamento grazie alla presenza di specchi Corner-Cube a 45°. Il sistema di controllo digitale DSP ultraveloce permette un’elevatissima accuratezza nella correzione della velocità e posizione dello specchio mobile.
Lo strumento è dotato di un sistema a scansione rapida opzionale (Rapid Scan) per l’accumulo di 80 spettri/sec.

Lo strumento è provvisto di sistema esclusivo LPM (Low Power Mode) che consente di mantenere tutte le componenti al minimo della potenza e quindi preservarli dall’usura oltre che dalla formazione dell’umidità. Un sensore verifica il livello di umidità e temperatura dell’interferometro e nel caso in cui i valori siano troppo elevati lo strumento rimane in condizione di Stand-By.

 

Il campo di misura con ottiche standard (con Beam Splitter in KBr rivestito in Ge) è di 7800-350 cm -1 ed è estendibile, rendendo lo strumento estremamente flessibile e senza eguali nel mercato.

Lo spettrometro JASCO FTIR-4X, dotato di opportune ottiche opzionali, può infatti operare fino a 50 cm -1 senza la necessità di flussaggio in Azoto, in quanto non vengono utilizzati Beam Splitter igroscopici (quindi particolarmente sensibili all’umidità).

Lo strumento è dotato di Sorgente Ceramica alta intensità ed è in grado di montare una seconda sorgente Alogena con switch automatico da software, tale opzione consente di operare nel range 11500 – 375 cm -1 senza interventi manuali dell’operatore.

 

Il rivelatore standard DLATGS è termostatato mediante sistema ad effetto Peltier per garantire la stabilità termica del sistema ed elevate prestazioni in termini di sensibilità, range dinamico e linearità.

Le eccezionali prestazioni in termini di stabilità meccanica e termica e la grande flessibilità del banco ottico, permettono la connessione dello stesso ad un microscopio IR (modelli IRT-5000 e IRT-7000 per esperimenti di Imaging) o ad eventuali accessori complessi quali sistemi RAS, ATR a singola o multipla riflessione.

 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Sta per aprirsi l’edizione 2022 di H3i Italia

Sta per aprirsi l’edizione 2022 di H3i Italia

Dal 7 all’8 giugno prossimi la detergenza, domestica e industriale, sarà sotto i riflettori al Centro Congressi di Milanofiori.

Un laboratorio digitalizzato: come ottenerlo in modo graduale

Un laboratorio digitalizzato: come ottenerlo in modo graduale

La software suite di Inpharmatic permette di dirigersi verso il Laboratorio 4.0 senza ricorrere a soluzioni invasive e costose e...

Bilance per misure analitiche secondo il nuovo capitolo 2.1.7 Ph. Eur.

Bilance per misure analitiche secondo il nuovo capitolo 2.1.7 Ph. Eur.

Sartorius Service garantisce la piena conformità ai nuovi requisiti fornendo certificati di taratura e di controllo...

Share This