Achema 2022 affronta le questioni chiave del settore: digitalizzazione e sostenibilità

8 Luglio 2022
Achema 2022 affronta le questioni chiave del settore: digitalizzazione e sostenibilità

Oltre alla trasformazione verso un’industria chimica climaticamente neutra e al tema costante della digitalizzazione, l’attuale situazione politica globale pone enormi sfide anche all’industria di processo. Achema 2022 offre risposte e soluzioni.

 

L’Europa punta a diventare climaticamente neutra entro il 2050. In linea con questo traguardo, l’industria chimica sta lavorando a tecnologie adatte a raggiungere questo obiettivo. Quali sono le opportunità, le sfide e gli ostacoli?

 

Queste domande verranno affrontate all’evento di apertura di Achema intitolato “Industria chimica neutrale dal punto di vista climatico” il 22 agosto 2022 dalle 17:00, al termine del primo giorno di esposizione. Dopo il discorso di benvenuto e l’apertura di Achema da parte di Klaus Schäfer, Chief Technology Officer di Covestro AG e Presidente di DECHEMA e.V., Martin Brudermüller, Presidente di CEFIC – The European Chemical Industry Council e CEO di BASF SE, presenterà la prospettiva dell’industria chimica europea nel suo discorso di apertura.

Le sfide e le soluzioni per un futuro più sostenibile verranno affrontate anche dalla “Green Innovation Zone”: quest’area speciale riunisce pionieri, esperti e fornitori di soluzioni dell’industria, della politica e della scienza con decisori e utenti. La Green Innovation Zone metterà in evidenza le innovazioni verdi e le sfide affrontate dall’industria di processo nel suo cammino verso una produzione climaticamente neutra.

 

Digital Hub e Digital Lab per la digitalizzazione 

Il tema della digitalizzazione ha finalmente conquistato un primo posto nell’agenda dell’industria di processo. A questo contribuisce il nuovo cluster espositivo “Digital Hub”: il punto di incontro centrale per gli esperti digitali e tutti i partecipanti interessati o coinvolti attivamente nella trasformazione digitale dell’industria di processo.

Un totale di sei casi d’uso per il laboratorio connesso e digitalizzato saranno presentati presso la Digital Lab Action Area, lo smart lab di domani da vivere, toccare e provare. I produttori di apparecchiature e software dimostreranno soluzioni trasversali di digitalizzazione utilizzando esempi pratici pertinenti. Lo spettro spazia dai processi di lavoro assistiti da Cobot per la preparazione e l’analisi dei campioni, al controllo di processo orientato all’utente con i Laboratory Execution Systems, fino a soluzioni di apparecchiature connesse orizzontalmente e verticalmente, ma adattabili in modo modulare con la prospettiva di realizzare un’infrastruttura di laboratorio condivisa e una perfetta integrazione tra input del campione e qualità dei risultati dell’analisi. Software e soluzioni innovative per dispositivi sono supportati dal Laboratory & Analytical Device Standard (LADS) per OPC UA.

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Nuove molecole farmaceutiche dalla chimica in piccole gocce

Nuove molecole farmaceutiche dalla chimica in piccole gocce

Un team internazionale di ricercatori ha messo a punto un metodo per produrre e identificare in modo rapido e sostenibile...

nanotecnologie-sei-laboratori-di-ricerca-nel-progetto-delluniversita-bicocca

Nanotecnologie: sei laboratori nel progetto dell'Università Bicocca

Il progetto NanoCosPha, cofinanziato da Regione Lombardia, per sviluppare cosmetici e prodotti per la medicina di precisione innovativi e a...

Bioair

Intervista esclusiva a BioAir

Eugenio Cesana, PM del marchio leader di apparecchiature per il controllo della contaminazione racconta le innovazioni introdotte in risposta alle...

Share This