Bassa istruzione, stress e povertà danneggiano la salute del cuore

26 settembre 2017
cuoredata

All’ISS si è tenuta la V Conferenza di Prevenzione Cardiovascolare durante la quale è stata presentata la nuova piattaforma “CuoreData”, dedicata agli operatori

 

Disagio sociale e inferiore livello di scolarità peggiorano la salute cuore, anche dopo la correzione dei fattori di rischio. Questo è il quadro che emerge dai dati dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare ISS e ANMCO-HCF, presentati alla V Conferenza di Prevenzione cardiovascolare che si è tenuta il 21 e il 22 settembre presso l’Istituto Superiore di Sanità.

Secondo il report anche in Italia le sopraindicate differenze socio-economiche si ripercuotono sulla salute, infatti i casi di ipertensione, dislipidemia, obesità e diabete sono maggiormente concentrati nelle persone che presentano livello di scolarità più basso. Anche lo stile di vita è un fattore importantissimo: inattività fisica e abitudine al fumo aumentano il rischio cardiovascolare.

Walter Ricciardi, presidente dell’ISS, ha dichiarato: “Questi dati ci confermano la necessità di costruire un’azione tempestiva in termini di prevenzione primaria a partire dall’educazione a corretti stili di vita sin dalla scuola primaria. Se questa tendenza si stabilizza o si conferma, è infatti a rischio la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale”.

Secondo i dati diffusi dall’ISS, l’ipertensione arteriosa è tuttora un fattore di rischio preoccupante, poiché riguarda più del 50% degli uomini e quasi il 40% delle donne, con una certa differenza nei due livelli socio-economici: più elevata nelle donne (+8%), meno negli uomini (+4%). Strettamente legato ai valori pressori è il consumo di sale nell’alimentazione, che risulta più elevato nelle classi sociali più basse: circa il 6% in più in coloro che hanno livello di scolarità elementare rispetto al livello universitario e più elevato al Sud rispetto al Nord.

La ipercolesterolemia invece interessa circa il 30% della popolazione adulta (35-74 anni). Anche in questo caso sono di più le persone che si trovano nel livello socio-economico più disagiato (38% degli uomini e 39% delle donne rispetto a coloro che hanno scolarità più elevata che si attestano rispettivamente al 35 e al 36%). Nelle donne con scolarità più bassa solo il 18% di quelle con dislipidemia è ben controllata con la terapia rispetto al 27% di coloro che hanno una scolarità più elevata.

La medesima situazione si attesta anche per il diabete, che è più frequente negli uomini con scolarità più bassa (14% contro il 10% in coloro che hanno raggiunto un livello di scolarità superiore). Nelle donne il fenomeno è ancora più evidente, infatti riguarda il 10% nelle donne con bassa scolarità e solo il 5% (quindi la metà) in quelle con livello di istruzione più elevato. Il 27% degli uomini con scolarità più bassa è obeso, mentre lo è il 22% in quelli con scolarità più elevata; nelle donne il 32% di coloro che sono a scolarità più bassa è in condizione di obesità mentre coloro che hanno un livello di scolarità elevata sono al 18%.

Confrontando i dati di diversi Paesi è stato dimostrato che i fattori socio economici e psicosociali influenzano il rischio di malattia cardiovascolare in modo indipendente, inoltre determinano un aumento del rischio di primo evento e peggiorano la prognosi.

Fanno parte dell’insieme dei fattori dannosi il livello socio-economico basso, l’isolamento sociale e la mancanza di supporto sociale, lo stress lavorativo e familiare, la depressione e l’ostilità.

I danni causati dai sopracitati elementi non finiscono qui: essi possono ostacolare l’aderenza alla terapia e vanificare gli sforzi per migliorare lo stile di vita e promuovere la salute e il benessere della popolazione e dei pazienti.

Simona Giampaoli, direttore del Dipartimento malattie cardiovascolari dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’ISS, ha spiegato che è dimostrato che questi fattori non si presentano singolarmente, ma tendono a riunirsi: abitudine al fumo, alimentazione inappropriata, inattività fisica si accompagnano spesso a depressione, povertà e basso livello di scolarità. Giampaoli ha anche dichiarato: “La Conferenza (di Prevenzione cardiovascolare, ndr) di oggi è l’occasione per fare il punto sui dati relativi alle differenze di salute nei Paesi e valutare le differenze che si sono verificate nel tempo, individuare le caratteristiche che spiegano almeno in parte tali differenze, mostrare come gli esiti peggiori tendano a essere maggiormente presenti fra le persone più svantaggiate, in modo da trovare modalità più appropriate per cambiare questo stato di cose”. È frutto dell’attività del Dipartimento dell’ISS diretto dalla dott.ssa Giampaoli anche la nuova piattaforma CuoreData, presentata durante l’incontro, il sistema di interrogazione dati del Progetto Cuore, dedicata agli operatori, che mette a disposizione le statistiche relative allo stato di salute della popolazione italiana adulta e che permette di effettuare interrogazioni personalizzate per periodo, territorio, sesso, fasce di età e titolo di studio.

ARTICOLI CORRELATI

bioelettrodi

Nanotecnologie, scoperti nuovi bioelettrodi: un filo diretto tra neurologia ed elettronica

Nanotecnologie, scoperti nuovi bioelettrodi: un filo diretto tra neurologia ed elettronica

prione

Prione umano artificiale ricreato in laboratorio

Un team di ricercatori della Western Reserve University crea per la prima volta un prione umano artificiale in laboratorio, l' innovazione promette...

LimsONE

LabSystems lancia una campagna promozionale su tutti i moduli Add-On di LimsONE

Il sistema modulare di LimsONE permette personalizzazioni ad hoc, ed oggi grazie a tutti i moduli aggiuntivi è possibile portare...

Pin It on Pinterest

Share This