BioInItaly Report 2022: Le imprese di biotecnologia in Italia

3 Maggio 2022
BioInItaly Report 2022: Le imprese di biotecnologia in Italia

I dati del nuovo report Federchimica Assobiotec – ENEA ‘Le imprese di biotecnologia in Italia: Facts&Figures’ mostrano un settore in crescita, capace di reggere la crisi pandemica, motore di innovazione nazionale e votato alla ricerca. 

Insieme allo studio che ogni anno fotografa la realtà dell’industria biotech attiva nel nostro Paese, Federchimica Assobiotec ha organizzato un approfondimento dal tema ‘Trasformare la conoscenza in valore: il ruolo chiave di startup e PMI e il nodo del loro finanziamento’. Un’occasione per discutere, insieme ai diversi attori del sistema delle piccole e medie imprese, punti di forza e di debolezza, opportunità e minacce per il comparto, anche alla luce del PNRR.

 

Il rapporto annuale Assobiotec-Federchimica ed ENEA ‘Le imprese di biotecnologia in Italia. Facts&Figures 2022’ raccoglie, elabora e analizza informazioni e stime aggiornate fornite dalle imprese Biotech a fine 2021, bilanci 2020 e dati pubblici e del Sistema Statistico Nazionale per offrire una fotografia del settore dettagliata e approfondita tratteggiando le caratteristiche salienti del comparto nell’ultimo biennio.

Dallo studio emerge l’immagine di un comparto vivo e vitale, motore dell’innovazione nazionale, che ha saputo resistere all’impatto della crisi pandemica in tutti i suoi ambiti di applicazione e che ha visto crescere sensibilmente il contributo delle imprese dedicate alla R&S biotech a controllo italiano con un fatturato che, in questo sottogruppo di imprese, ha registrato un +30% nell’anno nero dell’emergenza sanitaria globale.

Sulla base dei principali dati rilevati, l’industria biotecnologica italiana si conferma dunque, un comparto con una popolazione di imprese stabile, quando non in lieve crescita, caratterizzato da una forte intensità di ricerca e sviluppo e con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.

Il numero di imprese, dopo una lieve flessione a fine 2020, inferiore all’1% (a livello generale il calo di imprese è stato nello stesso anno più che doppio), è, infatti, tornato a crescere nel 2021 superando con 790 aziende il livello raggiunto a fine 2019. La crescita ha interessato tutti gli ambiti di applicazione delle biotecnologie e in particolare le imprese dedicate alla ricerca e sviluppo nelle biotecnologie a controllo italiano, trainate da quelle con applicazione prevalente nelle biotecnologie industriali con un +9% di imprese fra il 2019 e il 2020. Il settore è caratterizzato da realtà di piccole e micro imprese che rappresentano poco più dell’82% del totale.

 

Il fatturato nel 2020, anno in cui è stato massimo l’impatto dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, mostra una sostanziale tenuta, registrando rispetto al 2019 un calo del 5%, pari a meno della metà di quanto registrato dal fatturato dell’industria italiana nel suo complesso (-12%). Particolarmente significativa in tal senso è la forte e continua crescita (+30%) che ha invece contraddistinto il fatturato delle imprese biotech a controllo italiano ‘dedicate’ – cioè che investono almeno il 75% del proprio budget ad R&S nella ricerca biotecnologica .

Considerando il totale delle imprese, circa tre quarti del fatturato totale è prodotto dal settore della salute, un considerevole 17% è dato dal settore industria ed ambiente. Le imprese attive nell’ambito della salute umana continuano infatti a rappresentare la quota maggioritaria del numero totale di imprese biotecnologiche italiane. Tuttavia, si conferma la tendenza della progressiva e continua crescita del numero di imprese attive nelle biotecnologie industriali (+29% fra il 2014 e il 2021) e, soprattutto nell’ultimo periodo, di quelle con applicazioni ad agricoltura e zootecnia (+35% nello stesso arco temporale).

A livello territoriale la Lombardia, e, in generale, le regioni del Nord Italia, si confermano polo di primaria importanza per produzione e fatturato biotech. Tuttavia negli ultimi anni, si registra una progressiva diffusione su tutto il territorio nazionale del tessuto produttivo del biotech con una crescita delle regioni del Mezzogiorno e del Nord Est particolarmente presenti nel settore delle biotecnologie industriali.

 

Per quanto riguarda gli investimenti nella ricerca e sviluppo (R&S), le imprese del comparto ‘dedicate’ hanno mostrato un’accelerazione nel 2020 rispetto agli anni immediatamente precedenti, con un incremento del 7% sul 2019, trainato dalle imprese con applicazione prevalente nella salute umana e nell’industria. Anche per gli investimenti in R&S biotech la crescita registrata dalle imprese dedicate alla R&S biotecnologica è stata maggiore rispetto a quella media del comparto, con un +15% nel 2020 rispetto al 2019.

La raccolta del capitale necessario per le attività delle imprese attive nelle biotecnologie in Italia, proviene, secondo quanto rilevato dai questionari, prevalentemente dalle risorse messe a disposizione dalla proprietà: sotto forma di utili non distribuiti e di conferimenti di capitale da parte dei soci, a seconda della struttura e dimensione delle imprese. Dai dati raccolti fra il 2017 e il 2020 si registra poi una crescita degli investimenti di capitale di rischio (Venture capital, Private Equity e Business Angel), un dato coerente con quanto rilevato dagli studi specialistici di settore (Rapporto AIFI) . Resta molto importante il ruolo delle sovvenzioni e dei contributi a fondo perduto e sempre più imprese dichiarano di beneficiarne (nel 2020 oltre il 30%), in prevalenza di dimensioni medio grandi e attive nelle applicazioni per la salute umana.

 

Elena Sgaravatti, Vice Presidente Assobiotec – Federchimica ha così commentato quanto emerso dall’indagine “Forse non tutti lo sanno, ma le biotecnologie sono state alla base di tutte le risposte alla crisi pandemica: dal sequenziamento del genoma del virus alla diagnostica molecolare, dai vaccini agli anticorpi monoclonali e agli antivirali, tutto è basato sul biotech. E oggi, alla fine dell’emergenza sanitaria ma di fronte a nuove, urgenti, drammatiche necessità: crescita economica sostenibile, diversificazione e ampliamento delle fonti energetiche ma anche capacità di approvvigionamento di materie prime per l’alimentazione umana e animale; le biotecnologie possono giocare ancora una volta un ruolo cruciale. Il Paese, con il PNRR ha una straordinaria occasione per ripartire e non può permettersi adesso di sbagliare. Scegliere di avviare riforme e investire le risorse del Next Generation EU sull’innovazione significa traghettare il Paese verso un futuro migliore e il biotech è certamente una tecnologia che, in questa prospettiva, non può essere trascurata”.

 

Per Gaetano Coletta, Responsabile ENEA ‘Offerta e Valorizzazione Servizi di Innovazione’ “I nuovi dati del Rapporto non solo confermano la tenuta del settore delle biotecnologie in Italia nel 2020, l’anno più duro della crisi pandemica legata al COVID-19, ma evidenziano un ulteriore incremento degli investimenti in R&S. Questo settore si conferma, quindi, come un volano dell’innovazione nazionale, sempre più cruciale per rispondere alle nuove sfide che la nostra società si trova a fronteggiare come l’emergenza sanitaria, la sostenibilità ambientale e la dipendenza energetica. Prosegue, inoltre, la crescita delle biotecnologie per la salute umana, l’industria, l’ambiente e l’agricoltura, settori nei quali, come ENEA, mettiamo a disposizione delle imprese e delle loro associazioni competenze, tecnologie, infrastrutture e servizi avanzati”.

 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Labozeta lancia una proposta per sostituire la propria cappa chimica con una eco sostenibile con uno sconto speciale.

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

L'analizzatore di processo Ramina di Thermo Scientific elimina le complessità della spettroscopia Raman per analisi in situ automatizzate.

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

La fiera leader mondiale per il settore dei laboratori torna in presenza con un programma incentrato sul trasferimento pratico delle...

Share This