Dall’ascolto del cliente al lancio sul mercato: il viaggio all’interno dello sviluppo della nuova piattaforma GC 2400

28 Marzo 2023
piattaforma

Quando si avvia un processo di sviluppo di un nuovo strumento l’ascolto dei clienti è fondamentale: l’esperienza di chi utilizza quotidianamente la strumentazione analitica consente, infatti, di comprendere meglio cosa migliorare per creare una user experience ottimale.

 

Secondo Hakan Elmali, Vice President R&D PerkinElmer, 3 fattori sono fondamentali:

 

 

    1. Ascolto degli utenti e del mercato: i laboratori che utilizzano quotidianamente GC e GC-MS conoscono ogni singolo dettaglio delle operazioni e pertanto sanno bene come queste fasi potrebbero essere migliorate o semplificate per ottimizzare il loro tempo. “Per questo motivo, quando avviamo un progetto di sviluppo, iniziamo raccogliendo il feedback e soprattutto i punti dolenti dagli attuali utenti della tecnologia GC”, afferma Hakan Elmali.
    2. La chiarezza degli obiettivi si ottiene se si coinvolgono team molto diversi tra loro; obiettivi chiari e condivisi sono alla base del lavoro quotidiano, assicurando la risoluzione di dubbi e domande. Al di là dei progetti di R&D, il lavoro di squadra e la collaborazione sono essenziali per garantire che le diverse competenze portino a un risultato di successo.
    3. La curiosità è cruciale. “Questi progetti si propongono di migliorare la conoscenza e di capire come funziona la comunità analitica. Il nostro lavoro è basato sulla curiosità e sull’ideazione di nuovi modi per sviluppare apparecchiature di laboratorio pensate per utenti reali, che sono interessati alla facilità d’uso e alla produttività dei loro laboratori”, spiega Hakan Elmali.

 

Lo sviluppo di una piattaforma GC ha rappresentato una sfida per la Ricerca e Sviluppo, dato che la gascromatografia è una tecnica molto consolidata e attualmente utilizzata in molti mercati regolamentati. Hakan Elmali afferma che “questo può anche essere motivante, in quanto gli sviluppi possono ora integrare diverse nuove funzionalità: dal controllo intelligente con dispositivi wireless all’automazione guidata dal software fino ai dispositivi Internet-of-Things (IoT).
Nel caso della piattaforma GC 2400, la scelta è stata quella di implementare le caratteristiche dell’industria 4.0 come il monitoraggio da remoto tramite l’accesso al software dello strumento attraverso l’applicazione Web e/o il PC. Questo risponde anche agli standard delle nuove modalità di lavoro ibrido e permette di intervenire tempestivamente.

Quando si parla di controllo dello strumento e di accesso al software, è fondamentale considerare le opinioni degli utenti finali. Alessandro Baldi Talini, Portfolio Director Gas-Chromatography Platforms, sottolinea l’importanza di includere le idee e i punti di vista dei clienti all’inizio dello sviluppo. “La gascromatografia è una tecnica molto versatile e nel tempo il suo utilizzo si è esteso notevolmente dalla ricerca ambientale alle applicazioni industriali per il QA/QC. Quindi, quando abbiamo iniziato il progetto, abbiamo verificato se ci fossero aggiornamenti o nuove normative e tendenze di sviluppo delle applicazioni per assicurarci che ogni aspetto venisse preso in considerazione”, dice Baldi Talini.

Naturalmente, il dispositivo è solo una parte dell’intero flusso di lavoro GC. Kyle Oberndorfer, Director Software Platform, spiega: “Non si può parlare di GC senza parlare di reporting dei dati. Per questo, abbiamo rivisto le esigenze dei clienti in termini di interfaccia utente e flusso di lavoro automatizzato e, sulla base della nostra esperienza con LC, abbiamo sviluppato il software SimplicityChrom CDS per soddisfare le esigenze dei laboratori in termini di facilità d’uso e riduzione dei costi di adozione, indipendentemente dal livello di competenza del personale di laboratorio.”

Kyle Oberndorfer ritiene che, quando si sviluppa e si implementa una nuova piattaforma software, si debba tenere conto della preparazione e delle competenze digitali dell’utente, preferendo dispositivi intelligenti e programmi simili alle app. “Per questo motivo il software SimplicityChrom CDS ha uno stile simile a quello di un’app e presenta un’iconografia che facilita l’identificazione delle attività analitiche”, chiarisce Kyle Oberndorfer.

La nuova piattaforma GC di PerkinElmer è la prova che i progetti di sviluppo dei prodotti non potrebbero esistere senza la varietà di competenze e background delle persone coinvolte e soprattutto senza l’ascolto continuo del mercato.

 

Se desiderate approfondire quali aspetti si nascondono dietro allo sviluppo dell’innovazione vi invitiamo a guardare il video a seguire.

 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Olon acquisisce GTP Bioways

Olon annuncia l'acquisizione del Gruppo GTP Bioways

L'integrazione consente a Olon Biotech di ampliare e diversificare la propria offerta tecnologica, supportando ogni fase del ciclo di vita,...

ePrep one

ePrep e Agilent: partnership per la distribuzione della workstation di preparazione dei campioni cromatografici

ePrep ONE è una stazione unica nel suo genere che utilizza siringhe analitiche, anziché pipette, per garantire un'affidabilità e una...

OQLAB

Convalida dei metodi e stima dell'incertezza di misura

La piattaforma OQLAB attraverso un’interfaccia semplice ed intuitiva rende semplici tutte quelle operazioni che i laboratori eseguono con l’uso di...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

LabWorld

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 59

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a:Anes  Assolombarda