Le competenze biotech del futuro

23 Maggio 2022
Le competenze biotech del futuro

I dati dello studio “Quale futuro per le competenze nel settore biotech” condotto da EY e Jefferson Wells per Assobiotec-Federchimica mostrano l’aumento della richiesta di professioni legate all’innovazione tecnologica, ma i profili sono sempre più introvabili. 

L’indagine ha indagato 122 profili professionali biotech per stimare l’andamento della domanda di lavoro delle imprese: per il 53% delle professioni del settore la domanda di lavoro da qui al 2030 sarà in crescita, ma per oltre il 70% di queste si stima un aumento della difficoltà di reperimento. Per fare evolvere le competenze in ambito biofarmaceutico Assobiotec si allea con Campus Biotech Digital.

 

Nel prossimo decennio, il settore biotech sarà testimone di una crescita della domanda di lavoro che coinvolgerà il 53% delle professioni del comparto. Solo il 21% sarà in decrescita, mentre il 26% resterà stabile. L’incremento di tale domanda sarà particolarmente forte per alcune professioni ad alta specializzazione, specifiche del settore e\o legate all’area tecnologica, come i Ricercatori bioinformatici (+10,2%), Ingegneri AI (+9,5%), e Ricercatori esperti di machine learning (+9,2%).

È quanto rileva l’approfondimento sui trend occupazionali delle professioni del settore biotech italiano, parte dell’Osservatorio “Il futuro delle competenze in Italia”, di EY, leader mondiale nei servizi professionali, e Jefferson Wells, il brand di Executive Search di ManpowerGroup, in collaborazione con Frezza & Partners e Assobiotec, Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie che fa parte di Federchimica.

 

Lo studio, che ha indagato 122 profili professionali del settore biotech, stima l’andamento della domanda di lavoro delle imprese fino al 2030 attraverso una metodologia innovativa, basata su machine learning per la costruzione del modello predittivo, sull’esame dei driver di cambiamento (megatrend) che impatteranno sul mercato del lavoro e su workshop con esperti di settore.

Tra le varie evidenze, l’analisi ha confermato che la transizione tecnologica in atto avrà un ruolo chiave nel futuro dell’occupazione, soprattutto come acceleratore dei processi di obsolescenza di professioni, competenze e mansioni. Per tutte le professioni indagate, lo studio indica importanti trasformazioni delle competenze che le compongono. Ciò inciderà anche nella difficoltà di reperimento dei profili: dall’analisi emerge infatti che per più del 70% delle professioni la cui domanda di lavoro viene prevista in crescita si stima anche un aumento della difficoltà di reperimento.

 

Andrea D’Acunto, People Advisory Services Leader di EY in Italia, dichiara: “Gli esiti della nostra analisi mostrano che le professioni del settore biotech andranno incontro a un’importante evoluzione da qui al 2030. Questo porterà alla trasformazione di numerosi profili professionali, con un aumento della complessità dei loro skillset e, conseguentemente, crescenti difficoltà da parte delle imprese nel reperire le competenze necessarie. Queste trasformazioni, tuttavia, se affrontate adeguatamente, potranno offrire alle aziende del settore un’importante opportunità per garantire la propria crescita nel medio periodo. In particolare, diventerà sempre più importante rafforzare e ampliare modalità di collaborazione con le Università e gli ITS per disegnare e implementare percorsi di alta formazione in linea con i processi evolutivi delle professioni, e al contempo immaginare percorsi di apprendimento permanente all’interno delle aziende secondo un modello di learning organisation. Nei prossimi anni sarà dunque prioritario agire sulla capacità e sulla tempestività di intervento nel produrre le nuove competenze che saranno richieste da parte dell’intero ecosistema istruzione-formazione-lavoro”.

 

Riccardo Palmisano, Presidente Assobiotec – Federchimica, dichiara: “Il nostro obiettivo era comprendere con anticipo il mercato del lavoro per permettere alle imprese biotech, ma anche all’Università e a chi si occupa di formazione, di prepararsi ai tanti cambiamenti in atto dal punto di vista occupazionale al fine di fornire ai giovani un quadro di scenario ed un’offerta formativa utili nella prospettiva del loro possibile futuro lavorativo. E volevamo farlo partendo da analisi dettagliate e da dati oggettivi. Lo studio presentato oggi ci conferma che la programmazione, possibilmente fatta in collaborazione fra mondo accademico e industriale nell’ambito dei piani nazionali per la ricerca e l’innovazione è una priorità sulle quale è urgente agire. Lo sviluppo delle nuove professionalità deve necessariamente andare di pari passo con lo sviluppo di un settore che ha l’innovazione nel proprio DNA: se non prepariamo oggi il nostro futuro, fra 10 anni il settore rischierà di trovarsi senza le competenze necessarie con una conseguente perdita di competitività del Paese in un settore cruciale per la crescita di PIL e occupazione”.

 

Alessandro Testa, Jefferson Wells Director, aggiunge: “Il settore biotech in Italia è tra i comparti che più di altri sperimenterà una forte evoluzione nel prossimo decennio, sotto la spinta di trend come l’innovazione tecnologica, i cambiamenti climatici e ambientali, oltre alla trasformazione dei modelli lavorativi. Tendenze ulteriormente promosse da iniziative come il PNRR, che per la transizione digitale ed ecologica prevede investimenti pari a 110 miliardi di Euro. Questo comporterà un’evoluzione dei profili e delle competenze necessarie per gestire il cambiamento, ed è per questo che le aziende dovranno organizzarsi per fronteggiare la situazione, andando a colmare il gap tra domanda ed offerta di lavoro attraverso efficaci strategie di recruiting, reskilling e upskilling, che consentano di colmare il divario di competenze attuale e futuro”.

 

In conclusione, nello scenario delle professioni del settore biotech, i risultati dell’indagine mettono in evidenza la necessità da parte delle aziende del comparto di implementare strategie efficaci di recruiting, in particolare per quei profili la cui domanda si prevede in crescita ma di cui c’è ancora un basso bacino di forza lavoro reperibile. A questo si aggiungono le necessarie azioni di upskilling e reskilling delle proprie risorse per evitare i fenomeni di mismatch e obsolescienza delle competenze ed al contempo aumentare l’efficacia produttiva delle imprese.

Infine, lo studio rivela che l’evoluzione degli skillset consentirà la nascita di nuovi profili per distacco, fusione o ibridazione, come l’Ingegnere per il trasferimento tecnologico, lo Specialista nella tutela del paziente e l’Advisor medico. Tali evoluzioni renderanno necessarie da parte delle imprese del settore azioni particolari di formazione (upskilling e/o reskillsing) per determinate professioni, che consentiranno la nascita di figure professionali altamente innovative in grado di fornire valore aggiunto alle aziende che le introducono nel proprio organico.

 

Assobiotec con Campus Biotech Digital per fare evolvere le competenze in ambito biofarmaceutico

Assobiotec ha risposto in modo concreto alle necessità evidenziate dallo studio siglando un accordo con Campus Biotech Digital. Si tratta di una realtà pubblico-privata fondata da un consorzio di primarie aziende farmaceutiche europee tra cui Sanofi (Bernardo Giua Marassi nella foto alla firma del patto) che ha l’obiettivo di far crescere le competenze in ambito biofarmaceutico, fornendo una formazione innovativa e costruita sulle specifiche esigenze del comparto.

L’accordo prevede una collaborazione di tre anni durante i quali il personale delle imprese biotech aderenti e giovani laureati selezionati dalle imprese potranno accedere a percorsi di formazione nell’ambito della produzione biotecnologica, sviluppando uno specifico set di competenze, adeguato a rispondere alle necessità di un mercato in continua e rapida evoluzione.

Sono 13 i corsi attualmente previsti all’interno di un percorso di formazione triennale. Tra i principali focus: Ecosistema della produzione biofarmaceutica, Controllo di qualità, Bioprocess Data Analyst e Supply Chain.

La formazione sarà erogata in modalità digital, con una particolare attenzione all’individuazione delle soluzioni più indicate per consentire il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, tra workshop digitali della durata di due ore, moduli immersivi e momenti di condivisione di esperienze e competenze.

 

“L’accordo che sigliamo oggi con Campus Digital Biotech rappresenta un contributo per la creazione di un tessuto produttivo nazionale sulla frontiera dell’innovazione. – dichiara il Presidente Assobiotec Riccardo PalmisanoSe il Paese vuole essere pronto a cogliere l’opportunità offerta dalle risorse del PNRR e a competere in questo settore, deve anche attrezzarsi affinché il capitale umano in esso impiegato sia pronto ad affrontare tutte le sfide che i rapidi cambiamenti in atto ci porteranno ad affrontare. Un ulteriore passo concreto per migliorare l’ecosistema italiano delle Scienze della Vita e rendere più autonomo e indipendente il sistema produttivo del nostro Paese”.

 

“Con questa partnership, il comparto biotech acquisisce una formazione ultra innovativa e competenze specialistiche, rafforzando così la rete di esperti che possono mettere a frutto il proprio talento lungo l’intera catena del valore della bioproduzione, a livello internazionale.” sottolinea Karim Vissandjee, CEO di Campus Biotech Digital.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Labozeta lancia una proposta per sostituire la propria cappa chimica con una eco sostenibile con uno sconto speciale.

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

L'analizzatore di processo Ramina di Thermo Scientific elimina le complessità della spettroscopia Raman per analisi in situ automatizzate.

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

La fiera leader mondiale per il settore dei laboratori torna in presenza con un programma incentrato sul trasferimento pratico delle...

Share This