Mercurio nei pesci, un pericolo reale

10 ottobre 2017
Mercurio Pesci

Il mercurio può essere accumulato da pesci e molluschi, rappresentando una grave minaccia per la salute dell’uomo

 

Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma i prodotti ittici possono accumulare mercurio, spesso sotto forma di un composto altamente tossico: il metilmercurio. In tutto il mondo sono numerosi i casi di pesci e molluschi che hanno dimostrato di contenere quantità variabili di metalli pesanti, in particolare proprio mercurio e sostanze inquinanti liposolubili da inquinamento delle acque.

Per ricordare il rischio rappresentato da questo tipo di problema, l’OMS ha avviato nel 2009 Convenzione per l’eliminazione globale del mercurio, ratificata a partire dal 2013. Attualmente sono 128 i paesi che vi hanno posto la propria firma, ma solo 83 sono quelli che l’hanno ratificata con apposite norme, come hanno fatto l’Italia e l’Unione Europea.

Nonostante siano stati fatti i primi sforzi, lo stato di salute dei mari e degli oceani non è buono, poiché il mercurio è un metallo che viene ancora adoperato ovunque, non solo in oggetti già vietati in alcuni paesi, come le lampadine a fluorescenza e le pile, ma anche i prodotti cosmetici come mascara, amalgami dentali, lampadine a LED e molte altre cose di utilizzo quotidiano!

Non bisogna poi dimenticare che questo metallo viene utilizzato anche in alcuni tipi di lavorazioni industriali e chimiche, dunque la quantità che ne circola nel mondo è enorme e non c’è da stupirsi se in parte finisca nella catena alimentare.

Per cercare di arginare il problema si è svolta da poco a Ginevra la prima Conferenza delle Parti della Convenzione di Minamata, entrata in vigore il 16 agosto 2017 e sottoscritta da 92 paesi, Italia compresa. La convenzione prende il nome dalla città di Minamata, i cui abitanti sono stati colpiti in passato da gravissimi episodi di intossicazioni acute da mercurio.

Durante la manifestazione è stata ribadita la pericolosità rappresentata da questo metallo e che l’utilizzo deve esserne proibito a livello mondiale. I partecipanti hanno anche elencato una serie di priorità per la messa in atto del programma, tra cui il divieto di aprire nuove miniere di mercurio, mentre a quelle già esistenti sono concessi non più di 15 anni ulteriore attività a partire dall’entrata in vigore della Convenzione; la messa al bando dei prodotti che contengono il suddetto metallo, per i quali però esistono alternative, a partire dal 2020; il cambiamento, a partire dal 2018, di alcuni processi industriali che prevedono l’utilizzo del mercurio; etc.

Tramite questi e molti altri accorgimenti si spera di poter limitare la diffusione del mercurio in natura, che ha già intaccato la catena alimentare e la salute dell’uomo.

ARTICOLI CORRELATI

EFSA

Selezionati i nuovi esperti per i gruppi scientifici EFSA

L'EFSA ha selezionato oltre 170 esperti scientifici di alto livello che a luglio raccoglieranno il testimone dei gruppi scientifici uscenti...

assovini

Labozeta con Assovini: l’importanza del laboratorio scientifico nelle cantine vinicole

Labozeta assieme ad Assovini, intende promuovere il valore della sicurezza attraverso tutti gli strumenti indispensabili agli enologi che operano nei...

Smart Wheat

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat"

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat", gestito da SITEIA dell’Università di Parma

1 thought on “Mercurio nei pesci, un pericolo reale

Commenti disabilitati.

Pin It on Pinterest

Share This