Nuovi microscopi a super risoluzione presso l’NMI svedese

24 Febbraio 2022
Nuovi microscopi a super risoluzione presso l'NMI svedese

Due nuovi microscopi a super risoluzione sono ora disponibili presso il National Microscopy Infrastructure (NMI) svedese, che dà accesso a tutti gli utenti a questa tecnologia all’avanguardia tramite Euro-Bioimaging.

 

Questi strumenti offrono la possibilità di eseguire l’imaging cellulare in-vivo veloce con una risoluzione senza precedenti, senza danneggiare i campioni delicati. Gli scienziati del NMI di Stoccolma e Göteborg daranno supporto agli esperimenti realizzati con l’ultima generazione di apparecchiature per l’illuminazione strutturata (Lattice SIM) e per la localizzazione di molecole singole.

 

La National Microscopy Infrastructure (NMI) è un’infrastruttura distribuita di cinque siti specializzati, complementari e interconnessi situati in tutta la Svezia: a Stoccolma, Uppsala, Göteborg e Umeå. La sua missione è fornire accesso a competenze e tecnologie innovative in microscopia e analisi delle immagini a tutti gli scienziati che necessitano di imaging avanzato in progetti di ricerca biomedica e biomedica traslazionale. Ogni anno, l’NMI serve più di 500 utenti nazionali e internazionali. Il nodo svedese Euro-BioImaging ha una forte esperienza nella microscopia a super risoluzione, nella microscopia correlativa e multimodale, nella microscopia intravitale nonché nell’elaborazione e analisi delle immagini.

 

Con il supporto di una sovvenzione del Consiglio di ricerca svedese, l’NMI ha acquistato due nuovi microscopi a super risoluzione Lattice SIM e Single Molecule Localization, che dal 2022 sono a disposizione di tutti gli utenti tramite Euro-Bioimaging, apportando un reale valore alla vasta comunità internazionale di ricercatori. Queste macchine offrono la possibilità di passare da materiali fissi a immagini veloci dal vivo 3D SIM con una risoluzione davvero elevata, senza danneggiare i campioni delicati.

 

Nel sito di Stoccolma l’attenzione si concentrerà sulle tecniche di super risoluzione: la SIM reticolare è un buon complemento al portafoglio di microscopia esistente, adattandosi perfettamente al foglio luminoso a reticolo e allo STED. Con questa macchina gli esperti di SciLifeLab saranno in grado di acquisire immagini di cellule in-vivo ad una risoluzione di 60 nanometri.

“La nostra comunità ha chiesto l’accesso a strumenti ad alta risoluzione che siano veloci e gentili con le cellule e i tessuti”, spiega Julia Fernandez-Rodriguez, alla guida del Centro per l’imaging cellulare dell’Università di Göteborg. “Siamo davvero entusiasti di poter offrire questa capacità ai nostri utenti e di utilizzarla in combinazione con il nostro microscopio elettronico”.

 

A Göteborg, lo strumento disporrà di moduli software aggiuntivi per spostare facilmente i campioni tra il nuovo sistema e il microscopio elettronico a scansione“Anche la tomografia ad array e la tomografia ad array correlata possono essere utilizzate in combinazione per aumentare ulteriormente la risoluzione, ottenendo la risoluzione del microscopio elettronico”, afferma Julia Fernandez-Rodriguez.

 

 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Cappa chimica giusta e sostenibile per i laboratori scientifici

Labozeta lancia una proposta per sostituire la propria cappa chimica con una eco sostenibile con uno sconto speciale.

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

Nuovo analizzatore spettroscopico Raman di facile utilizzo

L'analizzatore di processo Ramina di Thermo Scientific elimina le complessità della spettroscopia Raman per analisi in situ automatizzate.

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

analytica 2022: plasmare insieme il laboratorio del futuro

La fiera leader mondiale per il settore dei laboratori torna in presenza con un programma incentrato sul trasferimento pratico delle...

Share This