Gli studi per la messa al bando delle microplastiche nei cosmetici

7 dicembre 2017
microplastiche nei cosmetici

I ricercatori dell’Ismac-Cnr danno il loro contributo per la messa al bando delle microplastiche nei cosmetici

 

I ricercatori dell’Istituto per lo studio delle macromolecole del Cnr (Ismac-Cnr) di Biella, partecipano a studi che possono contribuire alla approvazione definitiva della legge che mette al bando le microplastiche nei cosmetici. Il ddl ha già avuto l’ok di Montecitorio all’unanimità a ottobre 2016 e prevede il divieto, a partire dal 1° gennaio 2020, della produzione e della messa in commercio di cosmetici contenenti microplastiche, che costituiscono un grave problema ambientale.

Lo studio rientra nell’ambito del progetto di sensibilizzazione sui rifiuti marini ‘Clean Sea Life’, progetto co-finanziato dal programma LIFE della Commissione Europea e ha come capofila il Parco Nazionale dell’Asinara.

L’inchiesta si è concentrata sul polietilene (PE) che, secondo l’Associazione europea dei produttori cosmetici ‘Cosmetics Europe’, rappresenta il 94% delle microplastiche contenute nei prodotti cosmetici. La ricerca è stata condotta finora su un campione casuale di 30 punti vendita (profumerie, farmacie, parafarmacie e supermercati) in otto regioni italiane, e ha riguardato 81 prodotti di 37 aziende cosmetiche che contengono polietilene. La maggior parte (circa l’80%) è costituita da prodotti da risciacquo: esfolianti per corpo e viso, saponi struccanti e un prodotto antiforfora. Il polietilene è presente anche in creme per donna e per uomo: in metà di questi prodotti, il polietilene è inserito nelle prime quattro posizioni degli ingredienti, dopo l’acqua.

Alcuni fra i prodotti con la maggior concentrazione di polietilene sono in vendita anche negli scaffali dei prodotti naturali ed esaltano una particolare attenzione per l’ambiente.

L’analisi quantitativa eseguita dall’Ismac-Cnr di Biella, per esempio, su un prodotto che elencava il polietilene come principale ingrediente dopo l’acqua, ha stimato una media di 3.000 particelle di plastica di dimensioni fra i 40 e i 400 micron per ogni millilitro di prodotto: in un flacone da 250ml sarebbero quindi presenti 750.000 frammenti di polietilene, per un peso totale di 12 gr.

Nel corso dell’indagine in questo, come in altri due prodotti, il polietilene è stato sostituito da prodotti naturali quali la perlite.

Il contributo fattivo dei ricercatori dell’Ismac-Cnr all’indagine sulle microplastiche contenute nei cosmetici in vendita in Italia realizzata dall’associazione MedSharks sta avendo notevole rilievo nazionale.

 

Fonte Cnr

ARTICOLI CORRELATI

Pfizer Ventures

Maggiori investimenti in ricerca con Pfizer Ventures

Pfizer prevede di investire 600 milioni di dollari in biotecnologie e società emergenti attraverso Pfizer Ventures, il veicolo di investimento in capitale di...

lorenzin

Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici

Lo scorso 23 maggio è stato firmato dal Ministro uscente Lorenzin il decreto attuativo relativo alla professione di chimico e...

APOA-1Milano

La proteina che sconfigge l’aterosclerosi è più efficace nel latte di riso

La proteina APOA-1Milano, conosciuta per la sua azione protettiva contro l’aterosclerosi, è più efficace se somministrata tramite via orale in...

Pin It on Pinterest

Share This