La fondazione Bonduelle lancia un programma per coinvolgere i cittadini nel consumo di alimenti vegetali

5 Dicembre 2019
Bonduelle

In occasione del 12° congresso della Fondazione Bonduelle, “la catena alimentare vegetale e la sostenibilità: una questione di equilibrio!” Guillaume Debrosse, CEO del Gruppo Bonduelle, ha annunciato il lancio di un nuovo bando per la presentazione di progetti incentrati sulla ricerca partecipata. Il bando è quindi aperto a tutti i gruppi di ricerca accademica che lavorano sugli alimenti di origine vegetale e che vedono il coinvolgimento dei cittadini in prima persona.

Creata nel 2004, la Fondazione Louis Bonduelle ha come obiettivo quello di cambiare in meglio le abitudini alimentari nel rispetto del pianeta e dell’uomo. Di fronte alle monumentali sfide legate al settore alimentare, sia umane che ambientali, la Fondazione riafferma il suo sostegno alla ricerca, coniugando iniziative sul campo e ricerca scientifica.

È per questo che il 3 dicembre 2019, in occasione della dodicesima conferenza della Fondazione, Guillaume Debrosse ha lanciato ufficialmente un nuovo bando per la presentazione di progetti incentrati sulla ricerca partecipata“Questa nuova metodologia di ricerca mira a far progredire le conoscenze scientifiche, mettendo al centro il cittadino che diventa allo stesso tempo sia stakeholder che beneficiario del progetto”,ha dichiarato Guillaume Debrosse. In un contesto difficile, caratterizzato dall’emergenza climatica e da una popolazione in crescita, il modo in cui alimentiamo le persone deve cambiare e, oggi più che mai, l’alimentazione a base vegetale è al centro di queste sfide. Grazie a questo nuovo programma di finanziamento, la Fondazione Louis Bonduelle si impegna a promuovere le sue iniziative in ogni Paese in cui opera con lo scopo di far progredire le conoscenze scientifiche ed al tempo stesso guidare il cambiamento sociale”.

Si tratta di un modo nuovo per la Fondazione di sostenere progetti guidati da un nuovo tipo di ricerca collettiva composta da cittadini e ricercatori.

 

Una conferenza incentrata su un’alimentazione a base vegetale sostenibile

Oltre 120 esperti del settore hanno partecipato alla dodicesima conferenza della Fondazione Louis Bonduelle a Bruxelles. Le presentazioni di Wim de Vries (Università di Wageningen – Paesi Bassi), Benjamin Allès (Università di Parigi XIII), Armando Perez-Cueto (Università di Copenhagen – Danimarca) e Jacynthe Lafrenière (Università di Laval – Quebec) sono state ricche di spunti utili e hanno permesso ai partecipanti di venire a conoscenza del cambiamento alimentare che sta avvenendo in tutto il mondo e a comprendere meglio le sfide globali legate all’alimentazione di origine vegetale.

 

Premio alla ricerca 2019 assegnato a una studentessa di Lille

Christophe BonduellePresidente della Fondazione Louis Bonduelle, ha consegnato il Premio alla Ricerca 2019 a Lucie Wiart, dottoranda dell’Università di Lille, la cui tesi di laurea “Consumo eccessivo di carne e alimentazione sostenibile: le alternative alla carne sono sostituti adatti? “, ha attirato l’attenzione della giuria. La studentessa riceverà un sostegno finanziario dalla Fondazione per completare il suo lavoro e portare a termine la sua ricerca.

 

Il nuovo concorso intitolato “Ricerca partecipata per aumentare il consumo di alimenti di origine vegetale” è aperto e per inviare una proposta è sufficiente presentarla sul sito web della Fondazione entro il 29 febbraio 2020 cliccando qui.

 

Fonte: Ufficio stampa Fondazione Bonduelle

ARTICOLI CORRELATI

Keyence

Sistema di visione Keyence per una multinazionale dell'alimentare

Essegi ha utilizzato il sistema di visione XG-X2700 di Keyence per garantire la perfezione assoluta di ogni singolo panino prodotto...

Gotto d'oro

Ai Castelli Romani la cantina Gotto D’oro guarda al futuro tra storia e innovazione

La cooperativa vinicola più importante del Lazio con i suoi 210 soci punta all’eccellenza

Atlas Copco

Aziende alimentari: riduzione di emissioni nocive

Con Atlas Copco la CO2 ad alta pressione, usata per eliminare in modo naturale i parassiti del riso, è recuperata...

Pin It on Pinterest

Share This