Le soluzioni Sartorius per il rilevamento del virus SARS-CoV-2 nell’aria

5 Giugno 2020
rilevamento

Il campionamento dell’aria con membrane filtranti in gelatina Sartorius, seguito da analisi PCR, è il metodo più efficace per il rilevamento di virus patogeni aerodispersi

 

Date le difficoltà di campionare gli aerosol carichi di virus ed i problemi di quantificazione a basse concentrazioni, esistono ancora poche informazioni sulle caratteristiche degli aerosol contenenti il virus SARS-CoV-2 aerodisperso, i parametri di concentrazione e le modalità di trasmissione.

 

Questa mancanza di consapevolezza è un limite per l’efficace valutazione, prevenzione e controllo del contagio da COVID-19. Tuttavia, numerosi studi si sono già concentrati sull’importanza dell’aria come veicolo di trasmissione dei virus, e i risultati mostrano una certa stabilità dei virus aerodispersi a seconda della specie ed enfatizzano l’importanza del monitoraggio dell’aria per l’identificazione di potenziali fonti di infezione e di possibili canali di trasmissione.

AirPortUn metodo semplice, efficiente e delicato per il monitoraggio di agenti patogeni nell’aria è la filtrazione su membrana in gelatina. L’efficienza delle membrane filtranti in gelatina Sartorius è già stata ampiamente provata da numerosi studi, il più recente dei quali condotto negli ospedali di Wuhan durante l’epidemia di Coronavirus.

Usate con il campionatore Sartorius Airport MD8, portatile e leggero, le membrane in gelatina completamente idrosolubili – disponibili come unità filtranti preassemblate, presterilizzate e pronte per l’uso – assicurano risultati eccellenti con gradi di ritenzione fino a 99,76%, mantenendo la vitalità dei microrganismi raccolti inalterata per tempi di campionamento prolungati.

Dopo il campionamento le membrane filtranti in gelatina possono essere conservate per ulteriori analisi prima della dissoluzione.

Non appena la membrana in gelatina è stata disciolta in acqua deionizzata o in qualsiasi altro tampone o mezzo adeguato, tutte le particelle virali trattenute sul filtro possono essere processate e rilevate tramite PCR quantitativa. Questo è il metodo di elezione per ottenere risultati rapidi, altamente specifici ed affidabili sulla presenza di particolari virus. Persino il più sensibile materiale di RNA può essere identificato con la combinazione di filtrazione su gelatina e qPCR.

Molti studi hanno dimostrato che il test PCR a seguito del campionamento dell’aria con filtri in gelatina offre risultati di recupero migliori di altre tecniche di rilevamento e può quindi essere considerato un metodo pratico preciso per l’identificazione di virus nell’aria.

Per maggiori dettagli scarica qui la nota applicativa “Sampling of Human Pathogenic Viruses from Air by Gelatin Membrane Filters and Subsequent Detection by PCR Analysis”

 

Per tutte le informazioni sui prodotti Sartorius dedicati a test e ricerca di Coronavirus clicca qui

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

cappe chimiche

Maggiore sicurezza per lavorare in tutta comodità con le cappe chimiche Erlab

Le cappe chimiche a filtrazione Erlab garantiscono una qualità di filtrazione senza pari, assicurando un...

Heaxel

Heaxel: la robotica al servizio della riabilitazione

L’azienda romana, che sviluppa tecnologie robotiche per supportare la neuroriabilitazione dell’arto superiore, si è...

serie Navigator

OHAUS presenta modelli di bilance ad alta risoluzione della serie Navigator

Progettata per essere sufficientemente resistente ed efficiente da poter gestire i carichi di lavoro più pesanti e sufficientemente conveniente da...

Share This