NiGen LCMS, la gamma di generatori di azoto di Claind

27 Luglio 2016

Disponibile in tre diversi modelli, NiGen LCMS di Claind può alimentare un massimo di quattro analizzatori LC-MS. Grazie alla speciale tecnologia PSA, la gamma è in grado di produrre azoto ad altissima purezza (fino a 99,9%).

I gas tecnici vengono impiegati in moltissimi comparti della nostra industria, dall’alimentare al medicale, dalla lavorazione dei metalli al trattamento delle acque, e sono fondamentali per la produzione di numerosi ingredienti e preparazioni farmaceutiche.

I generatori di gas Claind rappresentano un’ottima soluzione per tutte le apparecchiature e l’azienda ha saputo procedere passo dopo passo fino a raggiungere la posizione di leader europeo, diventando uno tra i maggiori produttori di generatori di gas al mondo.

La sicurezza e l’affidabilità delle macchine proposte fanno di Claind un fornitore affidabile per questa tipologia di prodotti. L’ultima gamma, in particolare, propone una sNiGen LCMSoluzione di punta.

Si tratta di NiGen LCMS, un generatore di azoto specifico per LC-MS e Sample Preparation. È disponibile nei modelli 40.0, 40.1 e 100 e può alimentare fino a quattro analizzatori LCMS. L’innovativa tecnologia PSA (ulteriormente ottimizzata con il brevetto esclusivo CLAIND “Fast Purity”), consente ai NiGen LCMS di generare azoto altamente puro. Distinguendosi dalle normali membrane a fibre cave, infatti, i CMS utilizzati dalla tecnologia PSA producono l’adsorbimento pressoché totale degli idrocarburi, con l’effetto di contrastare le possibili interferenze analitiche su campioni e spettro.


Tutti e tre i modelli disponibili hanno una
riserva interna da 50 litri di azoto, sono dotati di CPU con display Touch Screen e di ruote full turn che ne favoriscono lo spostamento. Il modello 40-1, con compressore full “Oil Free” integrato e una speciale riserva interna di aria da 50 litri, opera in modo particolarmente silenzioso, perché alcuni accorgimenti di insonorizzazione e antivibrazione attenuano il rumore.

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Rischi da silice libera cristallina: la tecnica di verifica non è tutto

Rischi da silice libera cristallina: la tecnica di verifica non è tutto

Valori limite di esposizione alla silice cristallina sempre più restrittivi impongono la necessità di affiancare a tecniche e metodi di...

imaging

"Dall’azienda agricola alla tavola": Sistemi di visione nell'industria alimentare

La richiesta di cibo di alta qualità che soddisfi sia i nostri fabbisogni alimentari che il desiderio di mangiar sano...

microrganismi

Rilevamento in loco dei microrganismi contaminanti di birra e vino

Una tecnologia PCR di rilevazione dei microrganismi che offre la possibilità di realizzare un controllo microbiologico....

Share This