XRDynamic 500: il diffrattometro di Anton Paar

5 Maggio 2022
XRDynamic 500: il diffrattometro di Anton Paar

Anton Paar introduce il diffrattometro per polveri dopo l’esperienza decennale nel settore SAXS.

 

XRDynamic 500 è un diffrattometro per polveri a raggi X multiuso completamente automatizzato per il laboratorio che combina una qualità dei dati imbattibile con un aumento fino al 50% dell’efficienza di misurazione.

 

 

Il cuore di XRDynamic 500 è l’esclusivo concetto TruBeam che include un ampio raggio del goniometro che offre la migliore risoluzione di misurazione per dati XRD di alta qualità. Inoltre, il percorso del raggio viene evacuato, il primo tra i diffrattometri a polvere da laboratorio ¬– per ridurre al minimo la dispersione dell’aria e massimizzare il rapporto segnale-rumore. Insieme, queste due caratteristiche eliminano il compromesso tra velocità di misurazione e qualità dei dati. Ora è possibile raccogliere dati eccellenti in condizioni standard.

TruBeam offre flessibilità e praticità per l’utente tramite l’ottica a raggi X completamente automatizzata. La commutazione automatica tra un massimo di tre diverse geometrie del raggio con un clic di un pulsante consente la misurazione di diversi campioni con diverse configurazioni dello strumento senza alcun input da parte dell’utente.

 

L’alto grado di automazione insieme al riconoscimento dei componenti e ai flussi di lavoro semplificati del software di controllo XRDdrive rendono XRDynamic 500 facile da usare per i principianti e flessibile per utenti avanzati, riducendo il rischio di potenziali errori. Anche i principianti possono raccogliere dati XRD di alta qualità senza la necessità di una formazione approfondita.

XRDynamic 500 è una vera piattaforma di diffrazione multiuso che consente la raccolta di dati su diversi tipi di campioni per varie attività analitiche. Indipendentemente dal fatto che il campione sia una polvere, un solido o un nanomateriale, una soluzione di misura ottimale è sempre possibile tramite un’ampia gamma di componenti e stadi di campionamento. Ciò include la più recente tecnologia di rilevamento dei pixel del CERN e gli accessori XRD non ambientali leader a livello mondiale di Anton Paar, che funzionano con un’unità di controllo integrata e un’infrastruttura ottimale non ambientale nella custodia dello strumento a prova di radiazioni. Una configurazione SAXS dedicata con percorso del fascio completamente evacuato dalla sorgente al rivelatore fornisce dati con la qualità di uno strumento SAXS autonomo con messa a fuoco della linea con un qmin di 0,05 nm-1 per l’analisi avanzata della nanostruttura.

 

Per ulteriori informazioni e specifiche tecniche info.it@anton-paar.com oppure www.anton-paar.com

 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Claudia Mensi alla guida della European Federation of Waste Management and Environmental Services

Claudia Mensi alla guida della European Federation of Waste Management and Environmental Services

Claudia Mensi, Laboratory Manager di A2A Ambiente e rappresentante di...

CeRSAA eletto miglior laboratorio europeo nella diagnostica fitopatologica

CeRSAA eletto miglior laboratorio europeo nella diagnostica fitopatologica

Il Proficiency Test Inter-laboratory, organizzato dall’Istituto Europeo GEVES, ha promosso il Laboratorio...

Il contributo del supercalcolo nel monitoraggio ambientale

Il contributo del supercalcolo nel monitoraggio ambientale

Integrando simulazioni climatiche, osservazioni satellitari e dati di monitoraggio della vegetazione è possibile gestire in modo...

Share This