Allergie alimentari, si punta ai batteri intestinali per eliminarle

9 Luglio 2019
allergie alimentari

La somministrazione di specifici batteri intestinali potrebbe aiutare a combattere le allergie alimentari. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine dagli scienziati del Boston Children’s Hospital e del Brigham & Women’s Hospital di Boston (Usa), che avrebbero identificato anche i microrganismi responsabili delle reazioni allergiche al cibo.

“Questo cambia in modo radicale l’approccio alle terapie per le allergie alimentari – spiega Lynn Bry, che ha preso parte all’indagine -. Abbiamo identificato i microrganismi associati alle allergie alimentari e quelli associati alla loro protezione. Se somministriamo consorzi microbici protettivi come terapia, non solo possiamo prevenire le allergie alimentari, ma possiamo eliminare le allergie alimentari esistenti: con questi batteri possiamo ripristinare il sistema immunitario”.

Nel corso della ricerca, gli autori hanno esaminato ogni 4-6 mesi i batteri intestinali di 56 bambini affetti da allergie alimentari e di 98 bimbi che non ne soffrivano. L’analisi dei campioni fecali ha permesso di rilevare differenze significative tra il microbiota dei due gruppi di ragazzini. Successivamente, gli studiosi hanno somministrato i batteri intestinali dei piccoli partecipanti ad alcuni topi che erano stati sensibilizzati alle uova. Hanno così osservato che i roditori che avevano ricevuto il microbiota dei bimbi sani erano protetti contro l’allergia alle uova, a differenza di quelli che avevano ricevuto i batteri intestinali dei bambini con allergie alimentari.

Successivamente, gli esperti hanno utilizzato approcci computazionali per analizzare le differenze tra i due gruppi di microrganismi, riuscendo a identificare gli specifici batteri associati alla protezione contro le allergie alimentari e quelli che, invece, ne erano responsabili. In particolare, hanno scoperto che i microrganismi protettivi appartengono alle specie Clostridiales e Bacteroidetes: quando sono stati somministrati ai topi, li hanno resi resistenti all’allergia alle uova. Gli altri batteri non hanno prodotto questo risultato. Inoltre, gli scienziati hanno osservato che i microrganismi appartenenti alle  specie Clostridiales e Bacteroidetes hanno provocato dei cambiamenti immunologici sia negli umani, sia nei topi. Nello specifico, questi batteri hanno influenzato l’attività  di una classe di  cellule del sistema immunitario, chiamate cellule T regolatorie, facendo in modo che promuovessero risposte tolleranti anziché reazioni allergiche. Ciò significa, concludono i ricercatori, che somministrare i batteri Clostridiales e Bacteroidetes potrebbe non solo prevenire lo sviluppo delle allergie alimentari, ma anche curarle.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Iwa 2019

I benefici pigmenti “rossi” di frutta e verdura al centro del congresso internazionale IWA 2019

Il colorato mondo degli antociani, contenuti nei piccoli frutti, nell’uva e nel vino, alla Fondazione Edmund Mach di San Michele...

Cibus Tec

Cibus Tec 2019: più padiglioni, più buyer, più settori

Nel complesso 1.300 aziende che potranno attingere, anche grazie al supporto di ICE-Agenzia, al più grande programma Top Buyer di...

Blockchain

La sicurezza alimentare? Passa dalla blockchain. Ma solo 1 azienda su 10 la utilizza

Le aziende del settore stanno iniziando a utilizzare la blockchain per tracciare la trasformazione del cibo

Pin It on Pinterest

Share This