Allergie alimentari, si punta ai batteri intestinali per eliminarle

9 Luglio 2019
allergie alimentari

La somministrazione di specifici batteri intestinali potrebbe aiutare a combattere le allergie alimentari. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine dagli scienziati del Boston Children’s Hospital e del Brigham & Women’s Hospital di Boston (Usa), che avrebbero identificato anche i microrganismi responsabili delle reazioni allergiche al cibo.

“Questo cambia in modo radicale l’approccio alle terapie per le allergie alimentari – spiega Lynn Bry, che ha preso parte all’indagine -. Abbiamo identificato i microrganismi associati alle allergie alimentari e quelli associati alla loro protezione. Se somministriamo consorzi microbici protettivi come terapia, non solo possiamo prevenire le allergie alimentari, ma possiamo eliminare le allergie alimentari esistenti: con questi batteri possiamo ripristinare il sistema immunitario”.

Nel corso della ricerca, gli autori hanno esaminato ogni 4-6 mesi i batteri intestinali di 56 bambini affetti da allergie alimentari e di 98 bimbi che non ne soffrivano. L’analisi dei campioni fecali ha permesso di rilevare differenze significative tra il microbiota dei due gruppi di ragazzini. Successivamente, gli studiosi hanno somministrato i batteri intestinali dei piccoli partecipanti ad alcuni topi che erano stati sensibilizzati alle uova. Hanno così osservato che i roditori che avevano ricevuto il microbiota dei bimbi sani erano protetti contro l’allergia alle uova, a differenza di quelli che avevano ricevuto i batteri intestinali dei bambini con allergie alimentari.

Successivamente, gli esperti hanno utilizzato approcci computazionali per analizzare le differenze tra i due gruppi di microrganismi, riuscendo a identificare gli specifici batteri associati alla protezione contro le allergie alimentari e quelli che, invece, ne erano responsabili. In particolare, hanno scoperto che i microrganismi protettivi appartengono alle specie Clostridiales e Bacteroidetes: quando sono stati somministrati ai topi, li hanno resi resistenti all’allergia alle uova. Gli altri batteri non hanno prodotto questo risultato. Inoltre, gli scienziati hanno osservato che i microrganismi appartenenti alle  specie Clostridiales e Bacteroidetes hanno provocato dei cambiamenti immunologici sia negli umani, sia nei topi. Nello specifico, questi batteri hanno influenzato l’attività  di una classe di  cellule del sistema immunitario, chiamate cellule T regolatorie, facendo in modo che promuovessero risposte tolleranti anziché reazioni allergiche. Ciò significa, concludono i ricercatori, che somministrare i batteri Clostridiales e Bacteroidetes potrebbe non solo prevenire lo sviluppo delle allergie alimentari, ma anche curarle.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Gotto d'oro

Ai Castelli Romani la cantina Gotto D’oro guarda al futuro tra storia e innovazione

La cooperativa vinicola più importante del Lazio con i suoi 210 soci punta all’eccellenza

Atlas Copco

Aziende alimentari: riduzione di emissioni nocive

Con Atlas Copco la CO2 ad alta pressione, usata per eliminare in modo naturale i parassiti del riso, è recuperata...

Barilla

Cibo e sostenibilità, Barilla inaugura la prima mostra di Parma 2020

La Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition darà inizio alle celebrazioni di Parma 2020 Capitale italiana della Cultura...

Pin It on Pinterest

Share This