Ambiente, concentrazioni record di CO2 nonostante il lockdown

24 Novembre 2020
Co2

Il rallentamento industriale registrato in questi mesi non ha frenato i livelli di CO2 in atmosfera, il principale gas a effetto serra che inquina l’atmosfera e persiste negli anni. Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (World Meteorological Organization-WMO) le concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera sono aumentate sensibilmente in tutto il 2019 ma la tendenza è proseguita anche nel 2020 nonostante blocchi e restrizioni economiche in risposta alla pandemia

Ma per comprendere appieno il significato di questo record è necessario fare qualche precisazione. Il lockdown a fisarmonica con cui si sta scontrando il mondo, tra riaperture parziali e nuove chiusure, ha avuto un impatto climatico ben visibile nell’immediato.

Il Global Carbon Project ha stimato che durante il periodo più intenso della chiusura, le emissioni giornaliere di biossido di carbonio potrebbero esser scese del 17% a livello globale a causa del confinamento della popolazione. Tuttavia calate non significa azzerate. E quello che il mondo ha rilasciato in atmosfera nel 2020 è bastato per far raggiungere ai livelli di CO2 una nuova soglia.

“Il lockdown ha ridotto le emissioni di molti gas serra come l’anidride carbonica”, spiega la WMO. “Ma qualsiasi impatto sulle concentrazioni – il risultato cumulato delle emissioni passate e attuali – in realtà non è maggiore delle normali fluttuazioni anno per anno nel ciclo del carbonio”. Secondo l’Organizzazione, anche con un taglio a fine anno del 7,5% a livello mondiale, i livelli di CO2 continueranno a salire ma a un ritmo leggermente ridotto (0,08-0,23 ppm all’anno in meno). In sostanza, a breve termine l’effetto delle misure di blocco non potrà essere distinto dalla variabilità naturale.

L’anidride carbonica rimane nell’atmosfera per secoli e nell’oceano ancora più a lungo. L’ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di CO2 è stato 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2-3 gradi più calda e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di adesso. Ma non c’erano 7,7 miliardi di abitanti”, segnala il segretario generale WMO, il professor Petteri Taalas

Questo significa che l’impronta umana è ininfluente sulla quantità di anidride carbonica? No, tutto il contrario. “(Con la CO2) abbiamo superato la soglia globale di 400 parti per milione (ppm) nel 2015. E solo 4 anni dopo, le 410 ppm. Un tale tasso di crescita non si è mai stato visto nella storia. La riduzione delle emissioni correlata al blocco è solo un piccolo blip sul grafico a lungo termine. Abbiamo bisogno di un appiattimento sostenuto della curva”, ha aggiunto il prof. Taalas.

Insomma, “la pandemia da CoViD-19 non è una soluzione per il cambiamento climatico. Tuttavia, ci fornisce una piattaforma per un’azione più sostenuta e ambiziosa per ridurre le emissioni a zero netto attraverso una trasformazione completa dei nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto – conclude il segretario generale WMO – i cambiamenti necessari sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili e influenzerebbero solo marginalmente la nostra vita quotidiana”.

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

materiali

Cresce la richiesta di materiali antimicrobici

Le indagini di Lifeanalytics a supporto delle aziende italiane nella ricerca e sviluppo di materiali più sicuri da microbi, batteri...

microfibre

Mascherine chirurgiche, ecco quanto inquinano i nostri mari

Uno studio dell’Università di Milano-Bicocca evidenzia i rischi ambientali dovuti allo smaltimento non corretto dei dispositivi...

TOC-1000e

Il primo analizzatore della serie eTOC progettato per applicazioni con acqua ultra pura

Shimadzu è lieta di annunciare il lancio sul mercato di una nuova generazione di TOC on-line per il monitoraggio delle...

Share This