BINDER presenta stufe di essicazione e incubatori nella misura 720

16 gennaio 2018

BINDER GmbH presenta le stufe di essiccazione e gli incubatori nella misura 720, dotati entrambi della tecnologia Avantgarde.Line

 

Dal 1° gennaio BINDER GmbH ha lanciato sul mercato le stufe di essiccazione e gli incubatori nella misura 720, entrambi dotati della tecnologia Avantgarde.Line.

Adesso le stufe da 720 litri ora dispongono degli stessi vantaggi tecnici degli apparecchi da 56, 115 e 260 litri delle rispettive serie. Il direttore della gestione prodotti, Harald Schädler, si è detto entusiasta della tecnica ultramoderna che ora fa anche degli apparecchi da 720 dei modelli innovatori: “Con la Avantgarde.Line, BINDER dimostra un’altra volta la sua competenza in materia di sviluppo e la sua forza innovatrice.”

L’incubazione di organismi e l’essiccazione delicata di particelle finissime sono ora possibili grazie al nuovo volume interno di 720 litri e l’ausilio di requisiti tecnici modernissimi. Con la tecnologia Avantgarde.Line, le stufe di essicazione e gli incubatori sopportano le sollecitazioni più forti nel laboratorio scientifico e industriale. Con il nuovo sistema di circolazione dell’aria APT.Line, le camere possono contare su un’accuratezza della temperatura assolutamente precisa nello spazio e nel tempo. L’isolamento spesso 60 mm garantisce un consumo energetico inferiore fino al 30 percento, aumentando le prestazioni degli apparecchi.

Le camere BINDER sono caratterizzate anche da un design ergonomico delle maniglie e un moderno regolatore con display LCD, che dispone di molteplici funzioni ed è semplice da utilizzare. I dati di esercizio possono essere registrati semplicemente tramite una chiave USB. Anche questo il responsabile di prodotto Dr. Jens Thielmann lo considera un grande vantaggio: “La nuova generazione di controller combina un comando facilissimo con un’eccellente robustezza per l’esigente lavoro quotidiano in laboratorio.

 

Fonte Binder GmbH

ARTICOLI CORRELATI

microcosmo

ENEA simulatore smart per coltivare piante nello spazio

ENEA ha brevettato e realizzato presso il Centro Ricerche di Portici il primo “microcosmo” per la coltivazione al chiuso e...

openzone

Partiti i lavori per l'ampliamento di OpenZone

Sono iniziati a Bresso i lavori per l'ampliamento di OpenZone, il campus privato dedicato alle Scienze della Vita creato da...

gsk

GSK: 30 milioni di euro per un nuovo impianto produttivo a Parma

GSK rende noto l'investimento di 30 milioni di euro nel suo sito produttivo di Parma per la produzione di un nuovo ...

Pin It on Pinterest

Share This