Differenziazione delle poliammidi tramite spettroscopia FTIR

26 Aprile 2021
Poliammidi

Le poliammidi sono polimeri termoplastici composti da monomeri uniti da un legame ammidico. Il gruppo delle poliammidi comprende molti polimeri diversi con diverse proprietà fisiche.

Poiché le poliammidi sono prodotte in grandi quantità, il processo di riciclaggio ha assunto sempre più importanza. Generalmente le poliammidi possono essere riciclate meccanicamente tramite modellatura termica, ma è anche possibile riciclarle chimicamente, ad es. per depolimerizzazione idrolitica catalizzata da acido o base. Al fine di ottenere un prodotto di riciclaggio accettabile, è necessario un metodo affidabile per differenziare le diverse poliammidi, poiché la qualità del prodotto dipende dalla purezza del materiale da riciclare.

 

La spettroscopia infrarossa a trasformata di Fourier (FT-IR) è uno dei metodi più veloci e accurati per la differenziazione e il controllo qualità dei polimeri. Fornisce informazioni sull’identità delle materie prime in entrata, su possibili contaminazioni, sulla qualità dei prodotti e può persino identificare campioni polimerici sconosciuti.

Il compatto e robusto spettrometro FT-IR ALPHA di Bruker con unità ATR in diamante è lo strumento ideale per identificare i polimeri. Il sistema permette discriminare diverse poliammidi utilizzando un rapido metodo di confronto dello spettro. L’impostazione di nuovi metodi anche per polimeri chimicamente simili è veloce e semplice.

Poiché la struttura di base delle poliammidi è la stessa non ci si aspetterebbero differenze significative negli spettri IR. Infatti, a prima vista, gli spettri dei polimeri misurati sembrano molto simili e sembra difficile dire quale spettro appartenga a quale polimero.

Un esame più attento mostra che ci sono differenze. Queste piccole differenze sono sufficienti per discernere i singoli polimeri l’uno dall’altro. Il confronto può essere fatto tramite un metodo di confronto rapido dello spettro in cui la correlazione dello spettro misurato con un insieme di spettri di riferimento viene calcolata. Un’identificazione riuscita sarà visualizzata da un semplice “OK” con la somiglianza data come percentuale. Quando il campione non rientra nelle specifiche “NOT OK” apparirà in combinazione con una croce rossa. I valori di soglia e altre impostazioni del metodo possono essere impostati individualmente per ogni sostanza, permettendo all’utente di adattare o creare metodi di confronto.

Contattaci per avere maggiori informazioni.

 

VAI ALLA SCHEDA DI “BRUKER ITALIA”

 

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

conserviera

Automazione e controllo analitico nell’industria conserviera

Per garantire la qualità nell’industria conserviera (frutta, ortaggi e derivati del pomodoro) è necessario coinvolgere nel controllo...

B2B marketing

La B2B Marketing Conference 2021 lancia la nuova sfida del marketing B2B: innovare le communities per accelerare il business

Torna il 16 giugno 2021, a Milano presso l’Auditorium Giò Ponti di Assolombarda...

spettroscopia

Sicurezza alimentare: un algoritmo semplifica le procedure di controllo

Moderne tecniche di spettroscopia e machine learning consentono di riconoscere alimenti adulterati e garantire che sulle tavole dei...

Share This