Festo: sistema completo con solo 5 componenti

20 Ottobre 2020
Festo

Con soli 5 componenti si può realizzare un sistema di dispensazione a 8 canali a pressione controllata:

1. il regolatore di pressione VEAB;
2. la testa erogatrice VTOI;
3. il modulo di controllo valvola VAEM;
4. un sistema di movimentazione adeguato per lo spostamento della testa di erogazione;
5. un serbatoio.

 

In questo articolo vedremo, quindi, come Festo può aiutarvi a realizzare un sistema Liquid Handling efficace, semplice e preciso.

 

1. Regolatore di pressione VEAB

Il regolatore di pressione VEAB Festo, preciso e silenzio, combina l’innovativa tecnologia piezo-elettrica con la tecnologia di controllo digitale ad anello chiuso. 

Questa caratteristica lo rende interessante per le applicazioni di automazione di laboratorio in cui è richiesto il controllo della pressione o del vuoto per controllo di fluidi supportati dalla pressione.

Il VEAB regola la pressione con portate fino a 20 l/min e rispetto ai regolatori di pressione che utilizzando la tecnologia on/off, offre una regolazione precisa, silenziosa e molto stabile.

Inoltre, l’assenza di parti in movimento nelle valvole piezo-elettriche integrate nei regolatori di pressione garantisce un numero molto alto di cicli di commutazione (≥ 100 milioni).

 

Festo

2. Testa erogatrice VTOI

L’erogazione di liquidi è uno dei processi chiave nell’automazione di laboratorio.

Grazie alla distanza tra gli ugelli di 9 mm, la VTOI è ottimale per i sistemi Liquid Handling. 

La testa erogatrice VTOI con 8 uscite e una singola valvola, permette di dispensare volumi a partire da 1 µl, oltre ad aspirare fluidi.

Una soluzione alternativa è la testa dosatrice VTOE, che consente di configurare il sistema di dosaggio secondo le specifiche tecniche richieste. 

Il modulo VTOE garantisce di scegliere il materiale della membrana e del corpo valvola per garantire la massima compatibilità con liquidi e chimici aggressivi.

 

3. Modulo di controllo valvola VAEM

Il modulo VAEM controlla le elettrovalvole in modo semplice e rapido, oltre a consentire la parametrizzazione, per ogni singolo canale, dei valori di corrente di spunto e di mantenimento così come tutte le costanti di tempo.

Il controllo del modulo può essere fatto tramite un collegamento RS232 o Ethernet, mentre l’Interfaccia grafica a disposizione garantisce la semplice impostazione di tutti i parametri, ed è inoltre possibile la sincronizzazione tramite un segnale di trigger esterno.

Il modulo VAEM è ideale per applicazioni di dosaggio di alta precisione, e la risoluzione di soli 0,2 ms permette di impostare con elevata precisione i volumi erogati.

 

4. Sistema di movimentazione EGSC con azionamento 

I movimenti delle applicazioni verticali nei portali 3D vengono attuati dalla slitta elettrica EGSC, semplice da integrare con altri assi elettrici lineari.

EGSC è un componente reso robusto e preciso con la dalla guida a ricircolo di sfere ed è disponibile in 4 taglie, con corse fino a mm 200.

A completare il sistema troviamo l’azionamento CMMT-ST, soluzione compatto e con web server integrato, soluzione pensata per comandare in modo semplice motori passo-passo e BLDC con Encoder.

Per saperne di più, scaricate la brochure interattiva 👉 Soluzioni Liquid Handling: basta cliccare titoli e immagini!

 

 

VISITA L’AZIENDA “FESTO”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Pipette

Gilson Pipette Service, manutenzione di pipette di tutti i marchi e modelli

Gilson Italia vi offre la possibilità di verificare la funzionalità e lo status del vostro parco pipette, grazie ad un...

Robo Lab

Robo Lab, il primo laboratorio in Italia con robot collaborativi

Assolombarda, le Fondazioni Brigatti, Camerani e Pintaldi, Politecnico e i partner scientifici ABB e iMages, hanno...

monoclonali

Covid, al via in almeno 15 regioni le terapie con anticorpi monoclonali

Iniziata anche in Italia la cura con gli anticorpi monoclonali ma con tanti limiti: verrà data a pazienti con fattori...

Share This