FLIR presenta la soluzione Thermal Smart Sensor per lo screening di temperature

21 Aprile 2020
Thermal Smart Sensor

Per le consegne iniziali della nuova soluzione FLIR A400/A700 Thermal Sensor verrà data priorità alle organizzazioni impegnate nel contenimento della pandemia COVID-19

 

FLIR Systems, Inc. ha presentato le termocamere fisse FLIR A400/A700 Thermal Smart Sensor e Thermal Image Streaming per il monitoraggio di apparecchiature, linee di produzione, infrastrutture critiche e per lo screening di temperature cutanee elevate.

 

Queste termocamere intelligenti e altamente configurabili sono utilizzabili per il monitoraggio di temperatura accurato e senza contatto in un’ampia gamma di applicazioni: controllo di processi produttivi, sviluppo prodotti, monitoraggio delle emissioni, gestione dei rifiuti, manutenzione di impianti e miglioramento delle politiche per l’ambiente, la salute e la sicurezza (EHS). Inizialmente, per la soluzione FLIR A400/A700 Thermal Smart Sensor verrà data priorità alle organizzazioni impegnate sul fronte COVID-19. Le capacità di streaming multi-immagine, edge computing e connettività Wi-Fi offerte da questa serie contribuiscono a velocizzare il flusso dei dati e a prendere decisioni più rapidamente, migliorando la produttività e la sicurezza dei professionisti in qualsiasi applicazione.

FLIR ha progettato le termocamere A400/A700 in due configurazioni, per soddisfare al meglio le esigenze specifiche delle singole applicazioni. La configurazione Thermal Smart Sensor, consigliata per la misurazione di temperature cutanee elevate, incorpora strumenti di misurazione avanzati e allarmi con algoritmi di calcolo a bordo (edge computing), per supportare ed accelerare il processo decisionale in situazioni critiche. La configurazione Thermal Image Streaming fornisce molteplici funzionalità di streaming termico per ottimizzare i controlli di processo, migliorare la garanzia di qualità e identificare potenziali guasti che potrebbero comportare il fermo di una linea di produzione.

La progettazione del proprio sistema su misura inizia con la selezione della configurazione tra Thermal Smart Sensor o Thermal Imaging Streaming, prosegue con la scelta del corpo macchina A400 o A700 in base alle risoluzioni richieste, e si completa con l’aggiunta dell’ottica e di una serie di funzioni opzionali specifiche per l’applicazione.

Da oltre 40 anni, FLIR fornisce ai professionisti le tecnologie termografiche per migliorare non solo le capacità, ma anche la sicurezza sul lavoro“, afferma Jim Cannon, Presidente e CEO di FLIR. “In questo periodo in cui il mondo intero sta lottando per sconfiggere la pandemia globale COVID-19, a fronte della necessità di disporre di queste tecnologie per contribuire al contenimento del virus, FLIR darà priorità alle consegne iniziali delle nuove termocamere A-Series ai professionisti che la impiegano per lo screening di temperature cutanee elevate a complemento di altri strumenti di screening di temperature corporee elevate“.

Attualmente FLIR è in fase di beta testing di una soluzione software per lo screening di temperature cutanee elevate completamente integrata con le sue termocamere certificate dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. La soluzione è stata progettata per aumentare rapidamente l’accuratezza, la facilità d’uso e la velocità delle procedure di screening esistenti. FLIR annuncerà la sua soluzione nel secondo trimestre del 2020.

Le termocamere FLIR A400/A700 Thermal Smart Sensor e Thermal Image Streaming sono disponibili per l’acquisto in tutto il mondo presso i partner di distribuzione FLIR.

 

Per saperne di più, visita il sito

 

Fonte: Ufficio Stampa Flir Systems

ARTICOLI CORRELATI

Mew

MEW, una postazione di lavoro ergonomica per microscopia

MEW, disponibile sul sito Labostore.it, non è un semplice tavolo ad altezza variabile, ma una postazione che permette all’operatore un...

Dräger

Dräger racconta i punti di forza dei propri dispositivi dedicati alle squadre di soccorso ed emergenza

E‘ partita da pochi giorni la campagna di comunicazione Dräger attraverso una pagina web dedicata

Farm to fork

Farm to Fork: meno chimica e incentivi al biologico nel Green Deal Ue

Presentata a Bruxelles la strategia sulla sostenibilità al 2030 tra cui l’indicazione di origine e valori nutritivi in etichetta  ...

Pin It on Pinterest

Share This