I dispositivi Panasonic TOUGHBOOK per la mappatura e lo studio dei cetacei

6 Maggio 2020
toughbook

In un panorama di continui cambiamenti climatici e di aumento delle attività dell’uomo in mare, nel 2001 è entrato in vigore l’accordo ACCOBAMS (Agreement on the Conservation of Cetaceans of the Black Sea, Mediterranean Sea and contiguous Atlantic Area), attualmente siglato da 24 Paesi, con l’intento di salvaguardare e studiare le popolazioni marine delle aree geografiche interessate. In questo contesto, e con l’obiettivo di creare conoscenza condivisa, è nata anche l’iniziativa ACCOBAMS Survey Initiative (ASI): un vero e proprio programma di monitoraggio collaborativo e coordinato, che valuta lo stato delle popolazioni di cetacei a livello regionale in tutta l’area del Mediterraneo e del Mar Nero.

 

L’ACCOBAMS Survey Initiative ha realizzato le prime missioni di rilevamento e monitoraggio nell’estate del 2018 e del 2019, e sta ora volgendo alla fase conclusiva con la realizzazione di uno studio in cui sono coinvolti 20 Paesi e oltre 30 Organizzazioni.

Si tratta della prima mappatura nel suo genere mai condotta nell’area del Mediterraneo, e proprio per questo motivo ha richiesto un grande dispiego di energie. Al progetto hanno lavorato oltre 100 osservatori scientifici impegnati via mare e via aria, con 8 aerei leggeri e 6 imbarcazioni; in circa 4 mesi totali di lavoro sul campo sono stati in grado di percorrere gran parte del Mediterraneo e del Mar Nero, oltre 92.000km muovendosi su aree specifiche individuate tramite un apposito software statistico.

La raccolta dei dati è avvenuta in parte tramite osservazione diretta e in parte avvalendosi di strumenti dedicati. Le squadre impegnate via aria hanno sorvolato le zone selezionate a circa 600 piedi di altezza e a una velocità costante, osservando la superficie marina per scorgere animali singoli o in gruppi, e in alcuni casi anche sorvolandoli più volte per scattare foto; le imbarcazioni, invece, hanno raccolto dati visibili, tramite avvistamenti, e anche acustici, grazie all’ausilio di strumenti che trascinati in mare dalle imbarcazioni catturano i suoni emessi dalle diverse specie marine.

Ad accompagnare gli osservatori nella loro missione, inoltre, anche i notebook rugged e semi-rugged Panasonic TOUGHBOOK, che grazie alle loro caratteristiche sono stati indispensabili per offrire supporto durante le rilevazioni, permettendo l’utilizzo dei software dedicati e garantendo grande durata della batteria e massima resistenza a vibrazioni e condizioni ambientali – dalle temperature particolarmente elevate a bordo dei velivoli, alla presenza di schizzi d’acqua sulle imbarcazioni, passando per la costante presenza di luce solare diretta.

Il TOUGHBOOK CF-54, il più sottile e leggero mai realizzato, si è distinto per l’esclusivo design a nido d’ape per una migliore resistenza e per la tastiera resistente ai liquidi, mentre il modello 2-in-1 detachable TOUGHBOOK CF-33 ha messo in campo le proprie caratteristiche fully rugged, con due batterie con funzionalità hot swap e tastiera separabile, per poter utilizzare lo schermo con un vero e proprio tablet.

Poter contare su strumenti affidabili è stato per noi un elemento fondamentale in fase di esecuzione del progetto: nello svolgere un’iniziativa così articolata e basata sull’osservazione in tempo reale, un errore tecnico non è contemplabile, poiché rischia di mettere a repentaglio le osservazioni effettuate o rendere vana un’intera giornata di lavoro,” commenta Simone Panigada, coordinatore scientifico di ACCOBAMS Survey Initiative.

ToughbookCon le due tranche di rilevazioni nel Mediterraneo e nel Mar Nero, l’ACCOBAMS Survey Initiative ha permesso di raccogliere importanti dati non solo sui cetacei, ma anche su altre specie (ad esempio tartarughe marine, mante mediterranee, squali, uccelli marini) e sullo stato di contaminazione e inquinamento acustico dei mari. I risultati ottenuti dai ricercatori costituiranno la base per monitorare le tendenze della popolazione marina, ma saranno soprattutto considerati alla luce delle esistenti minacce nei confronti dei cetacei e faranno sì che i firmatari ACCOBAMS possano prendere delle precauzioni per la loro salvaguardia.

Sapere quanti animali popolano i nostri mari è fondamentale ai fini della conservazione,” aggiunge Simone Panigada. “Ecco perché ci siamo impegnati nella realizzazione di un censimento in termini di densità e abbondanza dei grandi vertebrati, da poter utilizzare come punto di partenza e confrontare nei prossimi anni con nuove rilevazioni, individuando così i trend della popolazione marina”.

I dispositivi TOUGHBOOK sono progettati per durare nel tempo e per l’utilizzo all’aperto anche in ambienti difficili, e per questo sono gli strumenti ideali per chi opera in luoghi remoti. Siamo quindi orgogliosi che abbiano potuto prendere parte a un progetto scientifico così ambizioso,” conclude Jan Kaempfer, General Manager of Marketing di Panasonic Mobile Solutions Business Division – Europe.

 

Fonte: Ufficio stampa Panasonic

ARTICOLI CORRELATI

Mewa

Mewa, un sistema innovativo di panni per la pulizia per garantire la sicurezza dei collaboratori

Oltre a fornire indumenti protettivi adeguati, prodotti disinfettanti, igiene e pulizia nei capannoni di produzione, occorre anche garantire...

genomica

Ricerca Ue, colture più produttive con l’aiuto della genomica

Una nuova rivoluzione verde, basata sull’uso della genomica, per affrontare il cambiamento climatico, aumentare la sicurezza...

Seabin

Plastiche in mare, installato un nuovo dispositivo Seabin alla Marina di Genova

Un cestino capace di raccogliere le microplastiche presenti nel mare: è il Seabin, uno strumento in grado di...

Pin It on Pinterest

Share This