La Green Economy riparte con Ecomondo 2021

1 Ottobre 2021
La Green Economy riparte con Ecomondo 2021

L’appuntamento con Ecomondo, in contemporanea con Key Energy, è l’occasione per unire tutte le filiere della circular economy e delle rinnovabili, nell’ottica del PNRR e del Green Deal europeo. 

 

Quest’anno più che mai c’è grande attesa per l’evento annuale di riferimento per la transizione ecologica Ecomondo 2021, in calendario dal 26 al 29 ottobre alla fiera internazionale di Rimini. Il tema della sostenibilità è, infatti, passato da fenomeno culturale ad essere al centro dell’agenda politica italiana e comunitaria con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il Green Deal europeo.

La circular economy e le rinnovabili si preparano dunque a modificare il paradigma dell’economia reale.Proprio nel segno di queste novità si dispiegherà l’offerta dell’evento, tra novità tecnologiche, innovazione e start-up, internazionalizzazione, un calendario di convegni con il coinvolgimento di istituzioni europee e governative, la 10ª edizione degli Stati Generali della Green Economy e le frontiere della mobilità sostenibile a Key Energy. Questa edizione avrà un marcato aspetto internazionale, grazie alla rete di collaborazioni che mette insieme le competenze di circa 80 associazioni internazionali d’impresa, della società civile e della ricerca.

Ecomondo e Key Energy tornano in presenza con mille espositori di soluzioni ed eccellenze italiane ed europee, in particolare dal Nord Europa. La prima novità di questa edizione è un’area di esposizione in esterno, che accompagna verso l’area coperta dedicata ai mezzi della raccolta e trasporto rifiuti. Qui il salone biennale SAL.VE mette insieme in un’unica vetrina telaisti e allestitori dei mezzi per l’igiene urbana e gli allestimenti per la raccolta differenziata. Ecomondo compie poi un viaggio nella sanificazione degli ambienti, tema oggi imprescindibile. Novità anche per i sistemi di efficientamento idrico e il rischio idrogeologico. Nel cuore della manifestazione troviamo la bioeconomia circolare e le start-up che in fiera trovano uno spazio per esporre e, insieme, entrare nella filiera tecnologica dell’economia circolare e delle rinnovabili grazie alla collaborazione di ICE Agenzia. Alle nuove imprese che presenteranno le soluzioni più innovative per mitigare i cambiamenti climatici, andrà il premio ‘Climate For Kick’, in collaborazione con Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. In contemporanea, a Key Energy l’attenzione sarà sul solare e l’eolico, soprattutto con le tecnologie off-shore, sull’efficientamento energetico e sulla città sostenibile e la mobilità elettrica.

Sul fronte della convegnistica, Ecomondo sarà caratterizzato da una forte presenza della Commissione Europea, che porterà a Rimini la doppia strategia sul tema decarbonizzazione: riduzione dei gas climalteranti e rafforzamento della biodiversità attraverso la rigenerazione del suolo, delle foreste e dei mari che insieme contribuiscono ad assimilare più CO2, garantiscono la produzione di cibo e proteggono da future pandemie. Lo sguardo, dagli ‘eventi faro’ ai casi di studio, punterà all’intero bacino euro-mediterraneo. Attenzione anche alla formazione: ai casi di studio e agli aggiornamenti su normative europee e nazionali, si metterà a fattore comune pubblica amministrazione e impresa.

Per il decennale degli Stati Generali della Green Economy – appuntamento annuale promosso dalle 68 organizzazioni di imprese riunite nel Consiglio Nazionale della Green Economy e realizzato in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica e Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – verrà presentata una ricerca inedita. Il focus sarà la digitalizzazione e la transizione ecologica in Italia, dieci anni fa un fenomeno di natura principalmente culturale prima ancora che di politica industriale, oggi di portata europea. In agenda, anche i costi della mancata transizione ecologica, i costi e i benefici di questa trasformazione storica per le imprese e un focus sulla bioeconomia rigenerativa nel settore dell’agroalimentare italiano.

Al debutto il progetto ‘Africa Green Growth’ volto a favorire le relazioni commerciali tra imprese italiane e i Paesi proiettati verso un modello di sviluppo sostenibile in quel continente attraverso le tecnologie verdi. L’iniziativa è in collaborazione con la Fondazione RES4MED, il board scientifico di Key Energy, IRENA International Renewable Energy Agency e con il supporto di ICE Agenzia. Con 220 buyer esteri provenienti dalle regioni dell’Africa della sponda mediterranea e subsahariana, dai Balcani, l’Est Europa e Russia, e dagli Emirati Arabi Uniti, Ecomondo e Key Energy, per favorire i buyer dei mercati più lontani, avranno una estensione digitale che si apre il 18 ottobre e durerà sino al 5 novembre.

 

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

UniversalExtractor E-800 BUCHI

Analisi ambientale con UniversalExtractor E-800 BUCHI

UniversalExtractor E-800 BUCHI offre un'estrazione Soxhlet automatica, veloce ed affidabile, adatta ad un'ampia gamma di campioni ambientali.

Il Black Friday di Anton Paar

Il Black Friday di Anton Paar

Una selezione di strumenti di misura e analisi di qualità superiore, nati dal know-how Anton Paar, proposti in offerta speciale...

‘Supersito’ in miniatura per misurazioni atmosferiche di gas serra

‘Supersito’ in miniatura per misurazioni atmosferiche di gas serra

Dal NERC Field Spectroscopy Facility (UK) una suite atmosferica spettrale in miniatura, autonoma e portatile, in grado di rilevare le...

Share This