Lievito modificato per produrre nutrienti e plastica nello spazio

28 agosto 2017
lievito

Uno studio dell’americana Clemson University coordinato da Mark Blenner, presentato a Washington durante il convegno della Società Americana di Chimica, ha reso noto che i futuri astronauti che andranno su Marte potrebbero essere accompagnati da microrganismi capaci di trasformare ogni rifiuto in nutrienti e plastica.

I ricercatori hanno modificato geneticamente il lievito Yarrowia lipolytica per indurlo a produrre nutrienti fondamentali per la salute umana, come gli acidi grassi omega-3, e catene di molecole di poliestere che potrebbero essere usate in una stampante 3D per fabbricare oggetti in plastica, a partire da urine e scarti cellulari. (Lo stesso lievito ha già “collaborato” a varie ricerche in passato; il Massachusetts Institute of Technology (Mit) ad esempio, lo ha utilizzato per rendere ecosostenibili carburanti ad alta energia come il diesel. Lo studio è stato pubblicato su Nature Biotechnology).

pipi_spazioIl viaggio dei futuri astronauti che andranno su Marte sarà infatti il più lungo della storia e di conseguenza non sarà possibile portare tutto il necessario; per questo sarà indispensabile poter produrre durante il viaggio e durante la permanenza sul pianeta rosso quanto mancante. ”Se gli astronauti si preparano a un viaggio che durerà diversi anni, dobbiamo trovare un modo per riutilizzare e riciclare tutto quello che porteranno con loro”, ha detto Blenner.

La soluzione in parte la daranno gli astronauti stessi; genereranno costantemente rifiuti respirando, mangiando e usando materiali. I ricercatori hanno pensato di utilizzare proprio questi scarti per trasformarli in prodotti, come plastica e sostanze nutritive. ”Avere un sistema biologico che permetta agli astronauti di produrre ciò di cui hanno bisogno – ha aggiunto Blenner – è lo scopo del nostro progetto”.

 

ARTICOLI CORRELATI

EFSA

Selezionati i nuovi esperti per i gruppi scientifici EFSA

L'EFSA ha selezionato oltre 170 esperti scientifici di alto livello che a luglio raccoglieranno il testimone dei gruppi scientifici uscenti...

assovini

Labozeta con Assovini: l’importanza del laboratorio scientifico nelle cantine vinicole

Labozeta assieme ad Assovini, intende promuovere il valore della sicurezza attraverso tutti gli strumenti indispensabili agli enologi che operano nei...

Smart Wheat

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat"

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat", gestito da SITEIA dell’Università di Parma

Pin It on Pinterest

Share This