Olimpiadi delle neuroscienze 2019

8 Maggio 2019
Olimpiadi delle Neuroscienze

Si è svolta il 3-4 Maggio a Pisa la fase finale delle Olimpiadi delle Neuroscienze, organizzata dall’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-In). Si tratta di una competizione internazionale che mette alla prova studenti delle scuole medie superiori, di età compresa fra i 13 e i 19 anni, sul grado di conoscenza nel campo del sistema nervoso. Attualmente coinvolge più di 40 paesi in tutto il mondo.

L’obiettivo principale della competizione, promossa dalla Società italiana di neuroscienze (Sins), è accrescere fra i giovani l’interesse per lo studio della struttura e del funzionamento del cervello umano, con lo scopo finale di attrarre giovani talenti alle Neuroscienze di base e cliniche per poter combattere le malattie del sistema nervoso.

L’edizione 2019 delle Olimpiadi ha riscosso grande successo, come dimostrato dall’iscrizione di oltre 220 scuole superiori e circa 5500 studenti da 18 regioni italiane. Alla fase finale hanno preso parte i 3 migliori studenti di ogni regione, più i loro docenti in qualità di accompagnatori. Nella giornata di venerdì 3 Maggio, i partecipanti hanno seguito tre seminari tenuti dai Prof. Enrica Strettoi (Istituto di neuroscienze Cnr, ‘Fisiopatologia della retina’), Alessandro Cellerino (Scuola Normale Superiore, ‘L’invecchiamento cerebrale’) e Matteo Caleo (Coordinatore nazionale delle Olimpiadi, ‘La plasticità del cervello’). Gli studenti hanno avuto inoltre modo di discutere in modo informale con i ricercatori del Cnr, della Scuola Normale Superiore, e delle Università di Pisa e Firenze, ottenendo informazioni preziose sul loro futuro cammino universitario e sul mondo della ricerca.

Nella mattinata di sabato 4 Maggio si è svolta la competizione, suddivisa in varie prove: un cruciverba con definizioni relative alle Neuroscienze (prova a squadre), l’identificazione di strutture nervose in tavole anatomiche, diagnosi di malattie neurologiche, giochi di memoria ed attenzione, risposte vero/falso. Sulla base di queste prove, sono stati identificati i migliori 5 studenti che hanno sostenuto una sessione di domande a risposta diretta. Gli studenti Giuseppe Imperatore (Calabria) e Samuele Scortechini (Marche) hanno risposto correttamente a tutte le domande e si sono sfidati in una lunga sessione di spareggi, al termine dei quali ha prevalso Giuseppe Imperatore (Liceo Scientifico ‘Fermi’, Catanzaro).

La manifestazione è stata resa possibile mediante il contributo economico del Dipartimento di scienze biomediche Cnr, Istituto di neuroscienze Cnr, Pearson, Cidp Italia Onlus, Fondazione Pisa, Computer Shop Pisa. Hanno dato il loro patrocinio la Scuola Normale Superiore, Regione Toscana e Comune di Pisa.

Il vincitore riceverà una borsa di studio finanziata dalla Sins per rappresentare l’Italia alla competizione internazionale, in programma dal 21 al 25 Settembre a Daegu (Corea del Sud).

ARTICOLI CORRELATI

Escherichia coli

Ottenuto il primo batterio sintetico con un Dna ridotto

Lʼagente patogeno aveva un codice genetico ridotto, ma in cui nessuna delle istruzioni originarie è andata perduta

INFARTO

Terapia genica ripara il cuore dopo un infarto

Una nuova terapia genica è riuscita a riparare il cuore da un infarto, cancellando o riducendo le sue cicatrici e...

Un nuovo metodo per lo studio del ruolo dell’RNA nella risposta al danno del DNA

Grazie a uno studio dell’Istituto di genetica molecolare del Cnr in collaborazione con l’Ifom è stato elaborato il metodo RATaR,...

Pin It on Pinterest

Share This