Qualità degli alimenti zootecnici: valore nutritivo e digeribilità proteica ed amidacea

12 Ottobre 2022
Qualità degli alimenti zootecnici: valore nutritivo e digeribilità proteica ed amidacea

La conoscenza delle caratteristiche e del valore nutritivo dei principali alimenti zootecnici sono le premesse indispensabili per predisporre in maniera corretta le razioni alimentari del bestiame allevato.

 

Il mercato oggi propone prodotti sempre più specifici e di alta qualità: un ottimo mangime dovrebbe avere un alto contenuto proteico, possedere caratteristiche di alta digeribilità e aiutare l’animale a preparare in modo naturale il proprio sistema immunitario, non contenere componenti tossici, diossine e allergeni.

 

I parametri analitici più rilevanti di supporto ad una formulazione corretta del mangime sono zuccheri grezzi (glucosio e fruttosio), lattosio, amido, alcoli (etanolo e glicerolo), acidi organici (acetico, citrico, D ed L-lattico, malico, piruvico, succinico), sali minerali ed oligoelementi (sodio, potassio, ferro, rame), ed altri metaboliti quali ad esempio urea, ammoniaca, azoto α-amminico e nitrati. In aggiunta, è possibile ottenere informazioni nutrizionali utili sulla digeribilità dell’amido e proteica della razione, e sull’indice glicemico potenziale da analisi in vitro, combinando opportuni metodi di idrolisi enzimatica con il dosaggio di componenti quali glucosio e azoto α-amminico.

Per le bovine da latte, è ad esempio essenziale conoscere sia il contenuto di amido della dieta che la sua degradazione ruminale: un’insufficiente disponibilità di amido degradabile limita la crescita microbica ruminale e quindi l’apporto di proteina; quantitativi troppo elevati di amido possono, invece, stimolare fermentazioni anomale. La digestione dell’amido nel rumine è molto variabile e connessa a svariati fattori (origine botanica, macinazione, insilamento, ecc.), pertanto è difficile prevederla e necessita di una misura diretta.

Anche la frazione proteica e la sua degradabilità forniscono informazioni nutrizionali importanti: le proteine digerite nel rumine assicurano ammoniaca alla microflora per la crescita, ma l’eccesso di ammoniaca ruminale può essere tossico (in primis per la fertilità). Quanto le proteine vengano degradate a livello ruminale è funzione della loro concentrazione nella razione, della composizione, ma anche dei trattamenti termici che il mangime subisce per disattivare fattori antinutrizionali, gelatinizzare gli amidi, ecc.

 

R-Biopharm ha studiato ed ottimizzato le proprie soluzioni analitiche a supporto della caratterizzazione di alimenti zootecnici, per il dosaggio di routine di tutti i componenti di base sopra citati, combinando l’uso di kit enzimatici di nuova generazione e analizzatori automatici (iMagic M9 e P500). Con l’ausilio di tali sistemi, è possibile con un unico strumento, automatizzare il controllo analitico, e costruire cinetiche di degradabilità sia della componente amidacea che proteica della razione.

I metodi alla base delle determinazioni sono enzimatici, pertanto permettono una misurazione precisa ed affidabile anche in matrici complesse come i mangimi, poiché sfruttano l’azione di enzimi altamente specifici per la quantificazione di un singolo componente, e spesso anche di un singolo enantiomero (come nel caso dell’acido D/L lattico). I vantaggi di queste metodiche sono:

  • Specificità, dunque accuratezza
  • Elevata precisione
  • Elevata sensibilità
  • Rapidità
  • Semplicità nella preparazione del campione e nell’esecuzione dell’analisi
  • Assenza di interferenze (non risente di effetti matrice)
  • Reagenti sicuri

La linea di test enzimatici Enzytec™ Liquid è una soluzione innovativa per l’analisi enzimatica perché costituita da reagenti liquidi, pronti all’uso e stabili per tutta la durata di conservazione, anche dopo l’apertura. I kit sono di semplice utilizzo sia con applicazioni in manuale (stesso schema di dispensazione per tutti i test) che automatizzate.

Gli analizzatori i-Magic M9 e P500 sono grado di eseguire in totale autonomia tutte le procedure analitiche manuali previste in un test enzimatico. Gestiscono contemporaneamente più dosaggi sullo stesso campione (zuccheri semplici, acidi organici, alcoli e molti altri componenti quali urea, ammoniaca, nitrati, ecc.), e su diversi campioni; pertanto, sono la soluzione completa per controlli di routine ad ampio spettro.

Campioni e reagenti vengono caricati dall’operatore su appositi carrelli, termostatati a temperatura di refrigerazione, in posizioni stabilite via software di gestione. Il sistema provvede al prelievo di reagenti e campioni, alla diluizione (qualora previsto dalla metodica) e alla dispensazione in cuvetta. Al termine dell’incubazione, la miscela di reazione viene letta alla lunghezza d’onda programmata e l’assorbanza registrata è espressa in concentrazione, previa calibrazione.

L’utilizzo combinato di questi analizzatori automatici con i kit enzimatici della linea Enzytec™ Liquid permette all’azienda mangimistica la caratterizzazione e valorizzazione del suo alimento zootecnico e studiare nuove formulazioni con:

  • risultati accurati in tempi brevi (fino a 250 test/ora)
  • ridotto carico di lavoro dell’operatore (nessuna ricostituzione dei reagenti, procedure automatizzate)
  • eliminazione di errori grossolani e/o sistematici durante le fasi preanalitiche (dosaggio errato dei volumi, impiego errato di pipette e dosatori, errori di calcolo);
  • riduzione dei volumi di reattivi impiegati nei metodi tradizionali (da 3 ml a 250 ml) e dunque dei costi per singola analisi: con un solo kit enzimatico è possibile effettuare 500 test.

 

Richiedici maggiori informazioni sui sistemi di analisi per il settore mangimistico.
Basta compilare il form e ti risponderemo subito.

> VAI AL FORM  <

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Analisi reale delle particelle 3D

Analisi reale delle particelle 3D

Camsizer 3D combina tutti i vantaggi dell'analisi dinamica dell'immagine (ISO 13322-2) in un sistema di misura completamente riprogettato, stabilendo nuovi...

Larve come alimento in UE: le valutazioni EFSA

Larve come alimento in UE: le valutazioni EFSA

Da oggi le larve del verme della farina potranno essere commercializzate in UE come nuovo alimento. Vediamo in dettaglio il...

Screening rapido per l'autenticità del pepe nero

Screening rapido per l'autenticità del pepe nero

Da IZSVe un metodo di acquisizione dell’impronta digitale del pepe nero mediante la spettroscopia del vicino infrarosso (NIR) che consente...

Share This