Rifiuti, dagli scarti alimentari al packaging 100% biodegradabile

4 Novembre 2019
Enea

Nuove soluzioni per trasformare i rifiuti in risorse, arrivano dai laboratori ENEA, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile

 

Nel loro stand a Ecomondo, la Fiera internazionale per la sostenibilità ambientale, in programma dal 5 all’8 novembre a Rimini, i ricercatori dell’agenzia illustreranno le soluzioni tecnologiche per l’economia circolare e come trasferire queste alle imprese interessate per svilupparle a livello commerciale.

 

Per i ricercatori Enea, gli scarti dell’industria casearia possono diventare bottiglie e vaschette di plastica green, 100 per cento biodegradabile.

Un esempio concreto è il progetto Biocosì, per produrre bioplastica per il packaging alimentare, che ha appena vinto il premio “Agrifoodmaker 2019” per l’Innovazione nel settore dell’agricoltura e dell’alimentazione, promosso tra gli altri dal ministero delle Politiche agricole alimentari.

L’obiettivo è di arrivare a riciclare circa l’80% degli scarti della produzione di burro e formaggi, attraverso una duplice innovazione: da un lato, il recupero differenziato di tutte le componenti del siero (sieroproteine/peptidi, lattosio, sali minerari ed acqua ultrapura) e, dall’altro, la produzione di bioplastica biodegradabile e bioderivata dal lattosio stesso. Di fatto, quindi, si riducono gli inquinanti dell’industria casearia, gli elevati costi di smaltimento dei reflui ed anche l’impatto della plastica nell’ambiente. Secondo studi ENEA, l’83% dei rifiuti in plastica nei mari italiani è costituito da packaging, per lo più di prodotti usa e getta.

Questo processo eco-innovativo, che abbiamo sviluppato nel nostro centro di Brindisi in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant, è ispirato al principio ‘zero-rifiuti‘ dell’economia circolare e risponde a esigenze etiche e ambientali, ma anche economiche, perché consente di tagliare di circa il 23% il costo unitario di produzione. Le bioplastiche, infatti, rappresentano circa l’1% dei 300 milioni di tonnellate di plastiche prodotte ogni anno in Europa e la European Bioplastics stima che la domanda crescerà del 50% nel medio termine, da circa 4,2 milioni tonnellate del 2016 a 6,1 milioni nel 2021”, sottolinea Valerio Miceli, ricercatore ENEA presso la Divisione Biotecnologie e agroindustria.

Fonte:  Enea

ARTICOLI CORRELATI

Gotto d'oro

Ai Castelli Romani la cantina Gotto D’oro guarda al futuro tra storia e innovazione

La cooperativa vinicola più importante del Lazio con i suoi 210 soci punta all’eccellenza

Atlas Copco

Aziende alimentari: riduzione di emissioni nocive

Con Atlas Copco la CO2 ad alta pressione, usata per eliminare in modo naturale i parassiti del riso, è recuperata...

Barilla

Cibo e sostenibilità, Barilla inaugura la prima mostra di Parma 2020

La Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition darà inizio alle celebrazioni di Parma 2020 Capitale italiana della Cultura...

Pin It on Pinterest

Share This