Alimentazione, dalla dieta mediterranea benefici anche per l’ambiente

24 Novembre 2023
dieta mediterranea

La dieta mediterranea non rappresenta solo uno stile di vita sano, ma è anche un modello alimentare “sostenibile”, con “benefici per salute, ambiente” e per l’economia. Lo dicono due recenti studi dell’Università di Roma Tor Vergata.

 

Non solo uno “stile di vita caratterizzato da convivialità, riposo adeguato e attività fisica regolare”. La dieta mediterranea è anche un modello alimentare “sostenibile”, con vantaggi dal punto di vista della salute e dell’ambiente. Questi i risultati emersi da due studi pubblicati su riviste internazionali, che hanno tra gli autori principali Antonino De Lorenzo, direttore del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell’Università di Roma Tor Vergata, e Laura Di Renzo, direttrice della Scuola di specializzazione in Scienze dell’alimentazione presso il Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell’ateneo.

Il primo studio, condotto da De Lorenzo e dal suo gruppo di ricerca, intitolato ‘Valutazione dei benefici in termini di sostenibilità di aderenza alla dieta mediterranea durante la pandemia da Covid-19 in Italia’, è pubblicato su ‘Nutrients’ e si concentra non solo sull’identificazione degli effetti della dieta mediterranea sulla salute degli italiani, ma anche sulla sostenibilità ambientale e socioeconomica durante la pandemia di coronavirus. La dieta mediterranea, evidenzia infatti una nota, “non è solo uno stile di vita, ma anche un modello alimentare sostenibile che include elementi distintivi come biodiversità, stagionalità, attività culinarie e prodotti alimentari tradizionali, locali ed eco-compatibili”.

I risultati, integrati nel tempo da dati sulla sostenibilità, sono frutto di un sondaggio del 2020 condotto su un campione di 3.353 italiani con un’età compresa tra i 18 e gli 86 anni. I dati finali sono stati utilizzati per mostrare l’aderenza alla dieta mediterranea, convenzionale e biologica, calcolando l’impronta ecologica (CO2), e idrica (H2O) e i costi per l’acquisto di cibo. I dati mostrano differenze statisticamente significative delle emissioni di CO2 e del consumo di H2O tra i 4 gruppi di Bmi (indice di massa corporea), in cui il gruppo con Bmi più basso era associato a una riduzione di CO2 e H2O. Quindi, riducendo il proprio Bmi tramite la dieta mediterranea, non solo si ha un effetto positivo in termini di sostenibilità per la salute, ma anche ambientale.

Rispetto alla sostenibilità socioeconomica, viene messo in evidenza che all’aumentare dell’aderenza alla dieta mediterranea si riducono i costi per la spesa settimanale. In particolare, per la bassa aderenza si è osservato un costo di 97,2 euro a settimana, per la media aderenza di 94,2 euro a settimana e per l’alta aderenza di 90 euro a settimana.

Il secondo studio, “Differenze nell’efficacia del trattamento con la dieta mediterranea in relazione al sesso: uno studio pilota di nutrigenomica”, condotto dal gruppo di ricerca di Di Rienzo e pubblicato su ‘Genes’, si focalizza sulla diversa efficacia della dieta mediterranea, in particolare sull’espressione genica legata allo stress ossidativo, in relazione al sesso. Lo stress ossidativo avviene quando c’è un fallimento nel neutralizzare l’eccesso di specie reattive dell’ossigeno (Ros) attraverso l’uso di antiossidanti, comportando diverse patologie. Al contrario, è noto come la dieta mediterranea abbia un impatto positivo sulla salute, agendo come fattore preventivo e predittivo per malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, patologie neurodegenerative, sindrome metabolica e tumori.

Lo studio pilota è stato condotto su 17 soggetti sani, con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni (59% donne e 41% uomini). Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a controlli approfonditi prima e dopo le 8 settimane di trattamento con dieta mediterranea: controlli del sangue, misurazione di peso e statura, analisi genetica di 10 geni coinvolti nello stress ossidativo. Ogni soggetto ha seguito per due mesi una dieta mediterranea personalizzata sulle proprie esigenze nutrizionali, mantenendo inalterati propri stili di vita. Si osserva una diminuzione significativa della resistenza della forza nei maschi. In particolare, la dieta mediterranea sembrerebbe indurre un aumento delle fibre muscolari bianche negli uomini, inducendo quindi un miglioramento della forza esplosiva a discapito della resistenza.

Sono state osservate anche delle differenze significative nella pressione diastolica tra i sessi prima del trattamento, che si sono appiattite dopo il trattamento. In particolare, nei maschi sono stati osservati valori di pressione diastolica più elevati prima del trattamento, sebbene in un range di normalità, rispetto alle femmine. Ciò può essere dovuto a diversi fattori intrinseci ai due sessi, come i meccanismi fisiologici e i profili ormonali, i cambiamenti legati all’età e le tecniche di misurazione. La dieta mediterranea ha quindi contribuito ad una riduzione della pressione diastolica nei maschi. Significative sono state le differenze tra i sessi per quanto riguarda le lipoproteine a alta densità Hdl con il consumo di pasti mediterranei, con un aumento nel sesso femminile. Infine, è stato osservato come la dieta mediterranea abbia comportato una significativa iper-regolazione dei geni regolatori del metabolismo del colesterolo e della pressione arteriosa, ApoE e Ace, nelle donne.

Questo studio sottolinea quindi come la dieta mediterranea sia associata a un miglioramento della salute fisica e mentale, contribuendo a ridurre il rischio di malattie cronico-degenerative, riducendo l’infiammazione e migliorando il sistema circolatorio e respiratorio. In relazione al sesso, è emerso come questo regime alimentare sia più efficace nelle donne nell’influenzare positivamente il metabolismo lipidico, in particolare delle Hdl, e i livelli della pressione arteriosa, grazie a un’iper-regolazione di geni a essi correlati.

Tali evidenze permettono di unire le conoscenze acquisite fino a ora nella medicina classica con la potenza diagnostica delle nuove analisi in campo di nutrigenomica e nutrigenetica. Questo permette di rendere il paziente sempre più centrale e consapevole. In questo ambito, ulteriori indagini sull’interazione tra dieta, espressione genica e risposte specifiche al sesso, possono aiutare a personalizzare ulteriormente la dieta e contribuire alla salute e al benessere, in un’ottica One Health.

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

meat from wood università insubria

Meat from wood, un processo per la conversione sostenibile della lignina e della crusca di frumento in amminoacidi

Il progetto del laboratorio The Protein Factory 2.0 dell'Università dell'Insubria intende produrre cellule batteriche con attività enzimatiche per la sintesi di amminoacidi,...

otasens allevamento

Al via il progetto OTASens, coordinato dal Cnr-Ispa di Bari

Il progetto ha come obiettivo primario lo sviluppo di un biosensore all'avanguardia destinato al rilevamento dell’OTA, con l'obiettivo di ridurre...

arsenico inorganico riso

Arsenico inorganico negli alimenti, confermati i timori per la salute

La Commissione europea ha chiesto all'EFSA di aggiornare la valutazione del contaminante alimentare, tenendo conto di nuovi studi sui suoi...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

LabWorld

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 59

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a:Anes  Assolombarda