L’analisi delle acque con lo spettrofotometro portatile Iris di Hanna Instruments

23 Ottobre 2019
analisi delle acque

L’analisi delle acque è una delle attività più importanti per monitorare la salute del nostro pianeta. Con una popolazione in continua crescita, è essenziale monitorare la qualità dell’acqua nell’ambiente in modo da poter rilevare i cambiamenti e agire secondo le necessità.

È importante riconoscere che la qualità dell’acqua può essere influenzata negativamente sia da fattori naturali che da fattori artificiali. Il monitoraggio regolare delle risorse idriche può aiutare a identificare potenziali problemi prima che possano causare seri danni.

 

 

Monitoraggio delle acque reflue

Il processo di trattamento delle acque reflue, qualsiasi sia la loro natura (industriale, domestica, agricola), è di vitale importanza per l’equilibrio dell’ecosistema. Non possono essere reimmesse nell’ambiente se presentano quantità fuori norma di sostanze inquinanti.

Le acque reflue, o acque di scarico, sono acque utilizzate dagli esseri umani in attività domestiche, industriali o agricole, e che, a seguito dell’azione antropica, possono contenere sostanze organiche o inorganiche potenzialmente pericolose per la salute e per l’ambiente. Queste acque, prima di essere reimmesse nell’ambiente (in terreno, fiumi, laghi o mari) devono necessariamente essere monitorate e sottoposte a interventi di depurazione, in modo da non compromettere i normali equilibri dell’ecosistema.

Esistono diversi strumenti di misura quali pHmetri, fotometri, titolatori, ossimetri che dovrebbero essere sempre inclusi nella normale dotazione di ogni laboratorio e impianto di depurazione.

Iris di Hanna Instruments è uno spettrofotometro intuitivo che consente la misurazione di tutte le lunghezze d’onda della luce visibile. La maggior parte degli spettrofotometri utilizza un sistema a singolo raggio, mentre HI801 sfrutta la tecnologia a raggio di riferimento (split-beam), con uno splitter e un rilevatore di riferimento che compensano le fluttuazioni della sorgente luminosa per ottenere un segnale più stabile e garantire l’accuratezza di ±1.5 nm (con banda passante 5 nm).

Nello strumento sono programmati più di 80 metodi standard comunemente utilizzati per analisi chimiche. I metodi possono essere facilmente aggiornati trasferendo i file da un computer o tramite chiavetta USB. Si possono caricare fino a 150 metodi standard e altri 100 metodi personalizzati dall’utente.

Il display da 6” è di facile lettura. L’elevato contrasto rende lo strumento utilizzabile anche all’esterno. L’ampio angolo di visione consente di visualizzare le misure anche da lontano, senza il bisogno di stare sempre davanti allo strumento.

Lo strumento è dotato di batteria a litio ricaricabile a lunga durata, in grado di lavorare continuativamente per 8 ore o fino a 3.000 misurazioni.

Inoltre la batteria svolge anche la funzione di gruppo di continuità, garantendo il proseguimento dell’analisi anche in caso di interruzione di corrente e il salvataggio della misura.

Lo spettrofotometro IRIS è ideale in laboratori professionali, strutture per il trattamento delle acque, cantine ed altri.

Fonte: Hanna Instruments

ARTICOLI CORRELATI

digital talk

Al via il progetto “B2Better”, i digital talk di IC e LAB iniziano il 22 ottobre

Il primo appuntamento: “Working Safe! Dalla Normativa alla Formazione, come essere sicuri di lavorare in sicurezza”. Sessanta minuti di confronto...

key energy

Cruciali per il futuro del paese, ecco come saranno Ecomondo e Key Energy 2020

Presentate Ecomondo e Key Energy, le manifestazioni dedicate allo sviluppo sostenibile, dal vivo dal 3 al 6 novembre...

Marangoni

L'"effetto Marangoni" utilizzato per ottenere acqua potabile dal mare

Uno studio condotto al Politecnico di Torino, in collaborazione con il MIT, e pubblicato sulla rivista Energy and Environmental Science...

Pin It on Pinterest

Share This