Allergie alimentari, le reazioni gravi possono diminuire grazie alla prevenzione

18 Settembre 2023
allergie alimentari

I casi di shock anafilattico legati alle allergie alimentari nei bambini a rischio possono essere ridotti grazie a linee guida per la prevenzione. 

 

Il numero di casi di shock anafilattico per allergie alimentari può diminuire grazie linee guida che danno indicazioni per la prevenzione nei bambini a rischio: è quanto emerso da una ricerca realizzata dal Murdoch Children’s Research Institute, i cui risultati sono stati pubblicati sul “The Journal of Allergy and Clinical Immunology”.

La modifica della vecchia indicazione che prevedeva di non introdurre i cibi allergizzanti fra uno e tre anni ha “appiattito” la curva dei casi di reazioni allergiche gravi e contribuito a ridurre il numero degli allergici ai cibi. Durante i primi mesi e anni di vita non è più richiesto di rinunciare ai cibi che più spesso danno allergie.


In questo modo si può
ridurre il numero delle persone allergiche e anche delle reazioni gravi, ovvero degli shock anafilattici. Solitamente la reazione grave inizia con prurito (alle mani e ai piedi), tosse secca, gonfiore della lingua e delle labbra o difficoltà di respirazione). Nella piena manifestazione clinica si verifica un calo della pressione arteriosa con vertigini, confusione fino alla perdita della coscienza, con possibili complicanze vascolari e/o cardiache (trombosi, ischemie, aritmie) fino al coma. La somministrazione tempestiva di adrenalina blocca la progressione della reazione.

 

Oltre a prevenire la comparsa delle allergie alimentari attraverso l’introduzione dei cibi allergizzanti durante lo svezzamento dei bambini, è emerso che l’80% dei bimbi allergici alle proteine in latte o uova può guarire entro i tre anni. La frutta secca, le arachidi e il pesce sono invece allergeni che più difficilmente si riesce a tollerare spontaneamente e chi è allergico da bambino di solito lo resta per tutta la vita.

 

Tuttavia è possibile anche “guarire” dalle allergie alimentari, perché per alcune casistiche è possibile sottoporsi a protocolli di desensibilizzazione: l’immunoterapia delle allergie alimentari “insegna” al sistema immunitario a tollerare cibi innocui e rappresenta una vera e propria cura. Gli effetti resistono anche dopo anni dalla fine della terapia: alcuni pazienti arrivano alla piena tolleranza dell’alimento, altri possono accrescere la dose che riescono a ingerire senza avere reazioni. L’immunoterapia è una cura da adattare al singolo caso in base al livello di tolleranza, sempre seguendo rigidi protocolli. Per esempio, esistono protocolli per gli allergici al latte, all’uovo, al grano o alle arachidi.

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

meat from wood università insubria

Meat from wood, un processo per la conversione sostenibile della lignina e della crusca di frumento in amminoacidi

Il progetto del laboratorio The Protein Factory 2.0 dell'Università dell'Insubria intende produrre cellule batteriche con attività enzimatiche per la sintesi di amminoacidi,...

otasens allevamento

Al via il progetto OTASens, coordinato dal Cnr-Ispa di Bari

Il progetto ha come obiettivo primario lo sviluppo di un biosensore all'avanguardia destinato al rilevamento dell’OTA, con l'obiettivo di ridurre...

arsenico inorganico riso

Arsenico inorganico negli alimenti, confermati i timori per la salute

La Commissione europea ha chiesto all'EFSA di aggiornare la valutazione del contaminante alimentare, tenendo conto di nuovi studi sui suoi...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

LabWorld

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 59

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a:Anes  Assolombarda