Celiachia: la normativa sulle etichette e l’importanza dei controlli

6 settembre 2017
celiachia controlli

La celiachia è una malattia piuttosto diffusa e riguarda l’intera popolazione mondiale. L’analisi alimentare e le normative sono fondamentali per aiutare chi soffre di questa patologia

 

La celiachia è un’enteropatia infiammatoria permanente, con tratti di auto-immunità, provocata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti. È la più frequente intolleranza alimentare e colpisce circa l’1% della popolazione mondiale.

Come riporta l’ultima Relazione annuale al Parlamento italiano sulla celiachia (anno 2015), è stato calcolato che nella popolazione italiana il numero teorico di celiaci si aggiri intorno ai 600.000 contro i quasi 183.000 diagnosticati.

A causa della diffusione di questa patologia, diventa sempre più importante essere in grado di analizzare gli alimenti per verificare la presenza di glutine. Molte persone devono evitare questa sostanza anche a causa dell’allergia al grano o di una sensibilità al glutine di origine con celiaca, inoltre sempre più consumatori decidono di acquistare prodotti gluten free, come avevamo raccontato in un precedente articolo.

La normativa e l’etichetta

Al giorno d’oggi i consumatori devono poter trovare informazioni affidabili sull’etichetta degli ingredienti, verificate da chi si occupa di produrre alimenti e bevande. La normativa vigente si muove in tal senso, infatti gli ingredienti allergenici – tra cui i cereali che contengono glutine – devono essere dichiarati chiaramente sull’etichetta. La suddetta norma è riportata nel regolamento dell’UE No. 1169/2011 e riguarda tutti i tipi di prodotti: quelli confezionati e gli quelli non confezionati, che si possono trovare ad esempio nei ristoranti o nelle panetterie.

Le norme comunitarie specificano anche un altro aspetto, ovvero i valori limite di un prodotto per essere considerato senza glutine o a basso contenuto di glutine. I prodotti gluten-free possono riportare sulla confezione il simbolo “senza glutine”, un marchio protetto e riconosciuto a livello internazionale. Le licenze per l’utilizzo del logo in questione sono assegnate dalla Federazione delle Associazioni Europee dei Celiaci (AOECS), che impone ai produttori elevati standard e controlli regolari a chi intende firmare un accordo di licenza per ottenere la certificazione.

In cosa consistono i controlli

I controlli si basano su delle analisi che hanno lo scopo di rilevare la presenza di glutine nei prodotti alimentari. In genere si tratta di sistemi che utilizzano degli anticorpi: se l’alimento in questione contiene la proteina specifica, l’anticorpo che fa parte del sistema analitico la attacca e si può osservare un cambiamento di colore. È fondamentale in questo procedimento la specificità di un anticorpo di reagire contro una determinata sostanza, poiché il glutine è costituito da diversi tipi di proteine, ovvero da prolammina e glutelina – quest’ultima è detta anche gliadina e glutenina – dunque sono necessari vari tipi di anticorpi: quelli più utilizzati sono chiamati R5 e G12.

Solo grazie agli alti standard imposti dalla legge e ai continui controlli delle autorità è possibile garantire prodotti che siano davvero gluten-free.

ARTICOLI CORRELATI

EFSA

Selezionati i nuovi esperti per i gruppi scientifici EFSA

L'EFSA ha selezionato oltre 170 esperti scientifici di alto livello che a luglio raccoglieranno il testimone dei gruppi scientifici uscenti...

assovini

Labozeta con Assovini: l’importanza del laboratorio scientifico nelle cantine vinicole

Labozeta assieme ad Assovini, intende promuovere il valore della sicurezza attraverso tutti gli strumenti indispensabili agli enologi che operano nei...

Smart Wheat

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat"

13 giugno: workshop sul progetto di Ricerca Industriale "Smart Wheat", gestito da SITEIA dell’Università di Parma

Pin It on Pinterest

Share This